live in italy

02.10.2022
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Intervista Theatres Des Vampires
Scritto da Bloody Marha   
Venerdì 01 Ottobre 2010 12:07

Intervista Theatres Des Vampires

TheatresDesVampires

 

Maggio 2008
Controversa intervista ai Theatres Des Vampires..

Bloody Marha: Ciao Vampires! Voglio ringraziarmi per la vostra disponibile nell’aver accettato l’intervista. Ma veniamo al sodo…di solito con le altre band la prima domanda è “Presentatevi” ma credo sia inutile data la vostra fama…

Fabian: E quindi visto che è inutile.. ;-)
Ciao e grazie a voi.. sono Fabian, il tastierista dei Theatres des Vampires.. direi che basta… ;-)

Bloody Marha: “Anima Noir” il nuovo attesissimo album uscirà il 2 maggio…com’è l’attesa?

Fabian: Siamo veramente molto contenti e fieri di questo lavoro..
Questa volta lo dico senza paura di essere smentito.. siamo di fronte al nostro lavoro migliore..
Chi ha potuto ascoltare l’album in anteprima, non ha fatto che concordare su questo punto..
Direi che questo è l’album “definitivo” della saga dei vampiri..
Di meglio non potevamo fare…

Bloody Marha: Avete definito l’album come “il nuovo capitolo di The Vampire Chronicles. Come mai?

Fabian: Ehehe… questa è una di quelle cose che noi chiamiamo “miss-in-translation”..
In quanto in inglese ha un senso…
Così meno! ;-)
E’ un gioco di parole… In Inglese suona, come dire, il nuovo capitole delle Cronache dei Vampiri.. (the vampire chronicles), che è anche il titolo della saga dei romanzi di Anne Rice, e il titolo del nostro disco del 1998…
Quindi in inglese è un gioco di parole, che funziona molto bene.. in Italiano un po’ meno..

Bloody Marha:Dopo il successo del live DVD “The addiction tour” e il best of “Desire of damnation”, con quale spirito siete tornati in sala di registrazione?

Fabian: Con la voglia di dare ai nostri fans qualcosa di veramente nuovo..
Qualcosa di definitivo.. che rimanga per sempre nei loro cuori..
Abbiamo voluto esplorare delle nostre sensazioni profonde.. abbiamo analizzato alcuni temi difficili, come la paura della morta.. la futilità della vita..
Paure che spesso affliggono la nostra esistenza, con le quali la razza umana deve convivere durante il suo passaggio terrestre..

Bloody Marha: Avete aggiunto molti suoni elettronici rispetto ai precedenti album…

Fabian: Penso che se asolti bene il nostro trascorso, troverai suoni elettronici da Nightbreed of Macabria in poi..Così è stato su Pleasure and Pain.. così è stato su Desire of Damanation..
Questa è ormai la nostra formula.. Rock, Gothic, Elettronica e Metal… la giusta dose di tutto..

Bloody Marha: Cosa mi puoi dire sulla cover dei Cult?

Fabian: Praticamente tutti nella band amano i The Cult.. Una band che ha dato moltissimo al Gothic Rock.
Ultimamente andando in alcuni club in giro per l’europa, ho sentito che c’era una mancanza di questa band, e molte delle nuove leve a volte neanche sanno chi siano..
Allora ci siamo detti.. se dobbiamo rendere omaggio a qualcuno, perché non farlo verso qusta grandissima band, che ha dato capolavori intramontabili?
Quantomeno le nuove leve, grazie al nostro brano, impareranno a conoscerli nuovamente!

Bloody Marha: Da quando Lord Vampyr ha lasciato la band, il suono è completamente cambiato, e con quest’ultimo “Anima Noir” resta più facile paragonarvi a band come i Lacuna Coil. Come siete passati dal black metal melodico di qualche anno fa ad un suono più orecchiabile e che a tratti tocca la dark wave anni ’80?

Fabian: Tu dici sul serio che il nostro sound si accosti ai Lacuna Coil?
Io onestamente in Anima Noir, non ci trovo proprio nulla dei Lacuna Coil..
Sia per il cantanto.. Scarlet è molto rock sia come presenza che come cantato..
Le linee musicali sono totalmente differenti.. i Lacuna Coil strizzano molto l’occhio a sonorità americane Nu-Metal o alla Evanescence…
Cosa che nei nostri brani non si riscontra minimamente…
I nostri brani sono molto dark… Ci trovo ben poco di dark nei lacuna coil.. forse apparte alla loro cover dei Depeche mode..
Mi dispiace un po’.. che prima quando non sapevano che dire di noi, ci paragonavano ai Cradle of Filth… ora qualcuno ci paragagona ai Lacuna Coil..
Ma a ben sentire.. prima non eravamo certo i Cradle.. e ora non siamo i Lacuna..
Siamo i Theatres des Vampires… tutto qui…

Bloody Marha: Riguardo alle foto promozionali dell’album, fa un po’ strano vedere dei vampiri su una spiaggia alla luce del sole….

Fabian: E’ un omaggio a Nosferatu di Murnau (1922)..
Dove in una bellissima scena, la protagonista del film, attende il suo sposo in riva al mare… in una scena decadente di una bellezza struggente.. anche per questo le foto hanno un aspetto “seppiato” e rovinato.. proprio per ricordare e omaggiare quel film..
In tutti i casi se guardi bene tutto l’artwork del digipack… è al tramonto… quindi i vampiri si sono alzati già da un pezzo.. ;-)

Bloody Marha: Dopo “Lilith Mater Inferorum”, “Angel of Lust” e il più recente “Bring Me Back”, non sono stati più girati video. In occasione di “Anima Noir” vi rivedremo in qualità di attori?

Fabian: Impegni e tempo permettendo.. penso e spero di si!

Bloody Marha: Dopo più di dieci anni di una carriera che vi ha dato moltissime soddisfazioni, avete cambiato, singer, stile musicale, immagine, non siete stanchi di parlare sempre del tema del vampirismo?

Fabian: No
Il vampirismo è una filosofia di vita…
E lo sarà sempre..

Bloody Marha: Da cosa vi deriva l’ispirazione per il songwriting? Ad esempio ricollego il nome della band al film “Intervista col vampiro”…sbaglio? (N.B. grazie a Reaper per avermelo fatto notare)

Fabian: Bè più che al film, alla saga dei vampiri narrata da Anne Rice..il film si ispira al primo romanzo della saga.. ma la band si ispira più che altro alla saga in generale letteraria..
Siamo dei grandi fans dei romanzi delle Cronache dei Vampiri.. perché nasconderlo? Lo abbiamo sempre detto infondo..
Diciamo che più in generale la nostra band è un omaggio “vivente” alla letteratura vampirica..
Il songwriting si ispira molto a queste tematica, ma affronta anche vissuto quotidiano.. nostre esperienze personali.. nostre paure.. e nostre ricerche..

Bloody Marha: Sul fronte live avete già pronto un tour?

Fabian: Lo stiamo organizzando e pianificando proprio ora..prima faremo alcune date di apertura in Giugno Luglio.. ma il grosso dovrebbe attestarsi dopo l’estate.. Così da dar tempo ai fans di assimilare il nuovo lavoro..

Bloody Marha: Le domande sono terminate, grazie nuovamente per la disponibilità e in bocca al lupo per “Anima Noir”, se vuoi lasciare un messaggio…

Fabian: Grazie a voi per lo spazio..
Blood is life..