live in italy

02.10.2022
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Intervista Xandria
Scritto da Bloody Marha   
Lunedì 04 Ottobre 2010 18:54

Intervista Xandria

Xandria

 

Novembre 2006
La nostra Bloody Marha ha avuto modo di scambiare quattro chiacchiere "virtuali" con Marco Heubaum, fondatore alla fine degli anni 90 degli Xandria, band tedesca dedida ad un buon Gothic Metal.
Sentiamo cosa ci racconta di passato e futuro di questo bel gruppo!!

Bloody Marha: Ciao, come stai?…parliamo di voi, presentatevi ai nostri lettori.

Marco: Stiamo bene grazie, appena tornati a casa da uno show a Città del Messico. Siamo tutti scottati, perché non ci aspettavamo una giornata assolata d’autunno. Presentarci? Sai, è sempre difficile. Come mi ha detto Jamie degli Anathema, dopo lo show in Messico, suonavamo entrambi, “alla fin fine, “è tutto rock ‘n‘ roll”. Bene, noi siamo sicuramente una sezione emozionale e atmosferica di essa. Una band che fa rock ‘n‘ roll, capeggiata da una donna con un sacco di immaginazione e fantasia – non intendo draghi, ma la capacità di pensare più lontano della vita di tutti i giorni e la musica di tutti i giorni!

Bloody Marha: Ci sono notizie su un nuovo album?

Marco: Si, siamo nel mezzo del songwriting e registreremo presto le canzoni. Aspettatevi una nuova uscita nella tarda prima metà del 2007.

Bloody Marha: Il vostro ultimo album si chiama “India”, perché avete scelto di dare un tocco così orientale? Cosa vi ha ispirato?

Marco: E’ solo il nome di un album, non l’ordine di dare a tutto un suono orientale. Sebbene ci abbiamo inserito influenze orientali, ci piace sempre includere diverse influenze. Il titolo “India” è parte di un simbolismo, nel quale si tende a voler raggiungere degli obiettivi, innalziamo la vita e dopo cerchiamo le altre cose che diventano anche più importanti per noi – come Colombo che non trovò l’India, come voleva in un primo momento.

Bloody Marha: Sai che nella scena gothic, ci sono tante band con voce femminile…non avete paura di calcare gli stessi cliché?

Marco: Bene, ci sono anche tante band con voce maschile, no? Se ne avessimo uno, ci sarebbero un sacco di cliché da evitare o no. Ma comunque non ci importa – facciamo solo la musica che ci piace, e non pensiamo ai cliché e anche ai generi. Penso che lo senti mentre ascolti la nostra musica.

Bloody Marha: Quanto è importante una voce femminile nella nuova scena gothic?

Marco: Non lo so. Noi non facciamo musica pensando di essere parte di una scena o di qualcosa così, non so dirti.

Bloody Marha: Il metal e la musica classica spesso sono fuse insieme, cosa ne pensi?

Marco: Qualche volta è una combinazione interessante. Metal e musica classica hanno entrambe un’attrazione molto patetica e immaginaria, che le differenzia dalla normale musica popolare. Ma il metal è anche basato sul rock ‘n‘ roll, il quale è, secondo me, più “fisico” della musica classica. La combinazione di entrambe conduce spesso verso nuove sfere di esperienza musicale.

Bloody Marha: Siete simili a Within Temptation, Lacuna Coil…Come giudichi queste similitudini?

Marco: Oh bene…questi paragoni fanno schifo. Ogni band ha il proprio stile. Si, abbiamo una cantante, si, abbiamo elementi rock/metal/gothic, si la musica è atmosferica e immaginaria. Ma è tutto….alla fin fine, le canzoni sono più importanti. Se ascolti una bella canzone ti piace, ti piace la band.

Bloody Marha: Quali band italiane ti piacciono?

Marco: I Sadist, sono forti e fanno strane cose…

Bloody Marha: A giugno avete suonato al Wave Gothik Treffen, in casa! Come è stato?

Marco: oh, Lipsia non è la nostra città natale, è a qualche ora da dove viviamo noi. È uno dei festival in Germania a cui abbiamo suonato quest’anno, e per quanto ricordo è stato un bel concerto!

Bloody Marha: L’intervista è terminata, vuoi dire qualcosa ai nostri lettori, e ai vostri fan italiani (sono una di quelli!)

Marco: Siete davvero forte – quando abbiamo suonato nel sud della Germania e in Svizzera, alcuni fan italiani sono venuti e li abbiamo davvero apprezzati per il lungo viaggio sulle Alpi. Dunque cercheremo di venire, anche noi, qualche volta! Spero di rivedervi tutti di nuovo! I migliori auguri e pace a tutti voi!