live in italy

06.02.2023
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Cradle of Filth - Ne Obliviscaris
Scritto da Manuel Demori   
Venerdì 06 Novembre 2015 17:28

Il 4 novembre 2015 l'Inquisitional Tourtoure tour 2015, ha portato al New Age di Treviso la band black metal sinfonica Inglese Cradle of Filth. Accompagnati dagli Australiani Ne Obliviscaris, hanno trasformato per una sera il New Age in un Pantheon del Black Metal. Numeroso il pubblico accorso per questo evento.

Mezz'ora dopo l'apertura del locale salgono sul palco i Cadaveria, band Italiana guidata dalla sensuale cantante che dà anche nome alla band. Formata da membri dei Necrodeath e degli Opera XI, sono sulle scene ormai dal 2001 e con il loro Black Metal Gotico un po' horror, sono un degno gruppo di apertura per le due band che stanno per succedersi sul palco.


 

Arriva il turno dei Ne Obliviscaris, al loro primo concerto in Italia. La band Australiana, formatasi a Melbourne nel 2003 ha all'attivo solamente due album, Portal of I del 2012 e Citadel del 2014. Con il loro sound che mescola metal estremo progressivo d'avanguardia, jazz e musicaclassica, hanno creato molta aspettativa tra le persone presenti. La scaletta suonata, composta da solo tre pezzi ( ma che pezzi!!!) non poteva essere più azzeccata per la serata. Il concerto inizia con "Devour Me Colossuspt.1-blackholes" dal loro ultimo album. Decisamente una delle migliori canzoni con continui interscambi di voce dal pulito al growl che abbia mai sentito. Nonostante la complessità del pezzo e i quasi quindici minuti di lunghezza, l'ascolto non è per niente impegnativo e rende la situazione quasi mistica. Si prosegue con Phyrric,sempre dall'ultimo disco, per terminare con il capolavoro, la composizione che viene studiata perfino dagli studenti del conservatorio di Sidney a fianco di Beethoven e Mozart, il pezzo più magico del loro primo album, "And Plague Flowers The Kaleidoscope". I dieci minuti abbondanti di questa poesia messa in musica terminano troppo presto, ed è quasi ora della band headliner della Serata, i Cradle of Filth.


La band inglese, guidata da Dani Filth, presenta il loro nuovo album, uscito a luglio del 2015 intitolato "Hammer of the Witches". Disco che ha avuto una critica favorevole dopo gli alti e bassi degliultimi anni. Parte l'intro "Humana Inspired To Nightmare" seguito da "Heaven torn asunder", tratte da "Dusk and her Embrace del 1996". Si prosegue senza sosta con "Cruelty Brought Thee Orchids" dall'album di maggior successo della band, Cruelty and the Beast. Il concerto continua e finalmente sentiamo la prima canzone dall'ultimo cd, "Blackest Magick In Practice", seguita da molti pezzi tratti per lo più dagli album del passato.

Alla fine della fiera, i pezzi da Hammer of the Witches, si limitano a quattro. Un vero peccato, perché sarebbe stato interessante sentire qualche pezzo nuovo in più. In ogni caso in scaletta non sono mancati i veri capolavori del gruppo, come "Her Ghost In The Fog" o "The Forest Whispers My Name".  L'acustica del locale durante il concerto dei Cradle of Filth era molto buona, senza suoni impastati e con tutti i strumenti ben equalizzati. Dani Filth ha cantato veramente bene. Negli ultimi tempi le sue performance non erano proprio al top, ma qui al New Age ha dato veramente il massimo. Strumentalmente ineccepibili, con una nota di merito alla tastierista e cantante soprano Lindsay "Schoolcraft", che ha accompagnato a meraviglia Dani nelle parti più gotiche dei brani.

Anche questa serata volge al termine.  Il loro tour prosegue in giro per l'Europa fino a fine anno, per poi spostarsi negli Stati Uniti nei primi mesi del 2016. Abbiamo visto due band di alto livello, che si sono succedute sul palco. Il futuro del Black Metal sinfonico, i Ne Obliviscaris, che si sono distinti per la loro musica ricercata e i fondatori del genere, i Cradle of Filth, da ormai più di vent'anni sulle scene, che nonostante tutto hanno ancora molto da dire.


Galleria fotografica: CLICCA QUI

Ultimo aggiornamento Martedì 10 Novembre 2015 17:27