live in italy

02.10.2022
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Metaldays 2014 day 1
Scritto da Draconianhell   
Domenica 03 Agosto 2014 16:36

Metaldays 2014 Tolmin(SLO) 21-25 Luglio

Prefazione
The Murder Inn sbarca anche quest anno al Metaldays! 11 anni son passati dalla prima edizione (allora chiamato MetalCamp)...11 anni che sembrano volati e che hanno consolidato il Metaldays come uno dei Festival più interessanti e divertenti d'europa,se non del mondo! Unico nel suo genere ad avere una location cosi particolare e affascinante come Tolmin e le sponde dell' Isonzo,che rinfrescano e rigenerano le orde di Metallari che affluiscono in massa qui.
Hell Over Paradise..mai definizione fu più azzeccata.
Approdo a Tolmin con le consuete e immancabili problematiche legate ai lunghi spostamenti... ma come consueto arrivo sana e salva! Il tempo di piazzare la super mega tenda di The Murder Inn adibita anche a sala interviste e mi rilasso qualche ora prima dell inizio del Festival.
Come molti sapranno quest anno per chi arrivava prima,ovvero il venerdì e il sabato, era
organizzato una sorta di prefestival chiamato RockTmin in cui era prevista una quota d ingresso pari a 25 euro per il venerdì e 15 er il sabato! Diciamo soldi letteralmente buttati nel cesso.. in quanto sponsorizzavano la performance di una cover band dei Judas Priest (in teoria ingresso gratuito) che a mio parere non valeva nemmeno 5 euro!
Prendo questi 2 giorni OFF per riepilogare bene la mia tabella di marcia e finire di preparare le domande per le bands italiane che intervisterò durante questa edizione.
Intanto il la zona campeggio comincia a rianimarsi e a riempirsi,il che era un ottimo diversivo alla noia totale di questi due giorni morti!

21 Luglio 2014
Day 1

Finalmente ci siamo,l'edizione 2014 del Metaldays sta per avere inizio.Chi ha seguito le nostre news o quelle del Metaldays ha un idea ben precisa di tutte le super bands che calcheranno il Main Stage e il Second Stage!! Oggi è la prima giornata e inizia già con il botto. Calcheranno difatti i palchi bands come Alcest,Children Of Bodom e Opeth!.. Ma andiamo per ordine!!
La mia giornata si apre di consueto nel Second Stage,che molti colleghi,e non ne capisco il  motivo,snobbano alla grande,concentrandosi solo ed esclusivamente sui grandi nomi, tralasciando quello che,a mio dire, è uno dei punti di forza del Metaldays,ovvero le bands emergenti..che in gran parte dei casi fa scoprire perle e non di poco conto...


La prima band in assoluto ad aprire l'edizione 2014 del Metaldays è una band nostrana,parlo dei
friulani DUIRVIR con il loro Atmospherical Extreme Metal che affonda le sue radici nelle sonorità care a bands come Opeth,Alcest e Agalloch. Salgono sul palco in anticipo rispetto alla scaletta originale e un po la cosa mi preoccupa,in quanto,in tutti questi anni le primissime bands che aprivano il festival erano un po snobbate dai metalheads presenti...invece quest anno son rimasta davvero stupita! I Duirvir sembrano sereni e rilassati e questo sicuramente ha influito molto nell ottima resa della loro performance,proponendo In Death..in Faith.. in Blood, Rain ( in cui ha iniziato realmente a piovere), Grave Lights, On the Mounds of the Past e Winter Solstice.
Come dico sempre l' attitudine di una band si vede in fase live e i Duirvir,nonostante la pioggia battente,son riusciti a far rimanere davanti al palco molte persone. Il loro suono era cristallino,senza sbavature o eccessi... tutti gli strumenti perfettamente collegati a formare un unico suono ipnotico... e con la location del second stage era decisamente perfetto! Tenete d occhio questi 4 "Druidi" ne vedremo e sentiremo delle belle!




Dalle ipnotiche sonorità dei Duirvir vengo riportata subito al mondo reale dal Death/Black degli austriaci FALLEN UTOPIA,la band è  all'attivo dal 2006 e quest anno si presenta al Metaldays con pezzi tratti dall'ultimo lavoro in studio "Nothing’s made for eternity" risalente al 2012. Le influenze Thrash sono evidenti,ma hanno saputo mischiare i 3 generi in modo gradevole,anche se a tratti i riff erano un po troppo ripetitivi e monotoni per i miei gusti. Sicuramente hanno grandi margini di crescita davanti a loro!





Dai Fallen Utopia ora è il turno di una delle bands "nuove" che più mi ha incuriosito all ascolto nei
mesi precedenti al Metaldays.direttamente dal Messico arrivano i  NUCLEAR CHAOS ,scelti direttamente dall'organizazzione del Metaldays, arrivano come un tornado sul Second Stage.
Con il loro Melodical Death Metal trascinano tutto il pubblico a pogare e perfino a un tentativo "coraggioso" di wall of death! Una carica dal vivo unica,un muro che si alza ed esplode in tutta la sua potenza sopratutto grazie all'azione massiccia e combinata della parte ritmica di Rudy(batteria) e Jero(basso),il tutto completato perfettamente dalle due chitarre. Davvero moltointeressanti i loro pezzi,tratti per lo più dal nuovo lavoro in studio "Absolution".Una cosa che ho apprezzato molto è la"facilità" con cui cambiano tempo,passando da ritmi serratissimi e growl a parti più lente aggiungendo,insieme al growl,anche arti di cantato molto melodico! Una band si cui consiglio l ascolto! (Piccola parentesi: Parlando con Jero(basso) ritroveremo i Nuclear Chaos anche l anno prossimo,probabilmente nel main stage!..non male direi).




Le ore passano veloci ed ora è il turno del primo gruppo sloveno di quest edizione 2014 del
Metaldays. Salgono sul palco i Mephistophelian ed è subito chaos. Con il loro Technical Brutal Death Metal tengono altissimi i livelli di headbanging e pogo fra il pubblico. Buona esibizione la loro nonostante la pioggia si stia facendo decisamente più forte... perchè ricordatevi che non è Metaldays senza acquazzoni improvvisi!



Giusto il tempo di arrivare in tenda e si scatena il diluvio universale.. aspetto che spiova un pò e dopo poco sento sul palco Britta che richiamo sotto il palco il pubblico con frasi come " ma che ca*** di metallari siete che avete paura di due goccie d acqua,..muovete il culo e venite qui"... ho provato tanta stima per questa grandiosa cantante. Percui prendo al volo la mantella parapioggia e corro al mainstage per seguire il live dei teutonici CRIPPER. Anche se arrivo oltre tempo massimo per accedere al pit ho il tempo per gustarmi qualche pezzo del loro repertorio e di vedere Britta scendere dal palco e fare crowdsurfing con tanto di Go pro intenta a immortalare l' avvenimento! I Cripper sono una band ottima e dal vivo offrono uno spettacolo e una carica energetica davvero sopra le righe.




Ma il tempo e tiranno e devo lasciare il live dei Cripper per lanciarmi,letteralmente parlando nel second stage per assistere all esibizione degli ALOGIA,altra band che mi interessava sentire in fase live. Loro arrivano dalla Serbia e propongono un Power/Progressive Metal con molte
tendenze all Heavy più classico. Non sono un amante di questo genere ma loro da subito hanno catturato la mia atenzione,sopratutto per i molteplici inserimenti musicali che richiamano la musica balcanica tradizionale che a tratti sfocia in sonorità quasi orientali! La loro esibizione scorre senza intoppi e con un bel numero di fans davanti al palco pronti a supportarli! Mi sono dovuta ricredere sulla mia convinzione che le lingue balcaniche non potessero donare " poesia" in un pezzo... Davvero bravi!
Hanno presentato pezzi vecchi e pezzi tratti dal nuovo lavoro in studio "Elegia Balcanica" che uscirà a settembre via Miner records!




Lascio gli Alogia prima della fine del loro concerto per correre nel main stage che da ora
comincia ad animarsi di bands succulente!


ALCEST che dire di loro se non che sono una delle rivelazioni musicali di questi anni. Una delle poche band che è capace di scaraventarti in un altro mondo...anche con 36 gradi e sotto il sole come, per l'appunto, per il Metaldays! Emozioni uniche e superbe con "Autre Temps",
"Opale",il grande viaggio sensoriale con "Wings" e "Souvenirs d'un autre monde". Sono rimasta estasiata dalla maestosità di questa band,che non ha bisogno di grandi effetti speciali,fuochi d artificio o altre diavolerie per creare uno show indimenticabile..ma che ci riesce nell immobilità quasi totale e questo solo una grande band può farlo.Immensi!




Purtroppo il second stage mi attende e,so già di essere un po in ritardo per il pit,ma un altra grandiosa band aspetta la mia attenzione.

Quasi con un senso di distacco fisico mentale  temporale mi allontano dalle magiche note degli Alcest e vado incontro a un altro tipo di emozione sonora... ma decisamente più violenta ed aggressiva...salgono,o meglio,sono già sul palco ,direttamente da Malta i Deathster BEHEADED. Arrivo ,come scritto prima, leggermente in ritardo ,per via di scalette modificate ogni ora, e trovo già tutta l'area del second stage piena di metalheads che pogano e si dimenano... sul palco i maltesi non risparmiano nessun colpo sui presenti  e con pezzi come "Extortion of Benevolence","Dead Silence","Suffer in Silence","Lament of a Sordid God" mandano letteralmente in delirio il pubblico presente. Innegabile è la potenza e la presenza scenica che si sprigiona da questi 5 "loschi" personaggi forti di un suono puro,grezzo,massiccio e violento. I Beheaded entrano di diritto nella mia eprsonale classifica come una delle migliori band dal vivo. Se non li avete ancora visti..."Vediateli"... non ne rimarrete delusi!


 


A causa di scalette troppo attaccate decido di rimanere ferma al second stage e aspettare la prossima band...

gli HELHEIM. Loro sono una delle bands che per un motivo o l' altro non sono
mai riuscita a vedere live. Percui le mie aspettative sono(forse) troppo alte... I 4 vichingi
norvegesi hanno una scaletta di tutto rispetto,pezzi come "Maðr","Viten og Mot (Årvåkenhet)","Nattravnens Tokt" sono stati il culmine della libidine per la sottoscritta e da quello che vedevo il pubblico la pensava come me...e mentre mi guardo intorno noto un personaggio...strano! li per li nn ero sicura fosse lui..poi ho realizzato che era Hoest dei Taake,accompagnato dalle due bionde delle Crucified Barbara... che nessuno riconosceva tra l altro! Ovviamente la prima cosa che mi son chiesta è come mai Hoest si trovasse a Tolmin anche quest'anno,e da li,quasi in automatico m'è venuto il sospetto che sarebbe salio anche lui sul palco affianco agli Helheim.. e così è stato.... gli è bastato indossare il suo mantello ed eccolo sul palco per l ultima canzone ... possiamo dire che la parola Delirio è stata coniata appositamente per vedere questi grandi artisti insieme sul palco a suonare "Dualitet og Ulver".. un finale concerto di tutto rispetto e con i controfiocchi!




Dopo solo 20 minuti di attesa sul second stage salgono sul palco quelle macchine distruttive
chiamate ABORTED ... Con una scaletta assolutamente distruttiva che comprende pezzi come "The Extirpation Agenda","Meticulous Invagination","Coronary Reconstruction","The Saw and the Carnage Done", "Coffin Upon Coffin","Necrotic Manifesto" e "The Origin of Disease" no potevano se non aprirsi le porte dell'inferno. Assolutamente distruttivi e cattivissimi gli Aborted hanno fatto letteralmente disintegrare le cervicali del pubblico...davvero grandiosi!




Purtroppo il lavoro chiama e i tempi sono sempre più ristretti... sono le 21 all'incirca e ci stiamo avvicinando alla zona BIG del Metaldays... sul mainstage tra pochissimo saliranno i primi Co Headliners di questa edizione 2014...
La colonna di fotografi che sbucano dal nulla si fa sempre più lunga,ovviamente sempre per gli ultimi 4 gruppi...


Ed ecco tutto è pronto...è giunto il turno di salire sul palco dei CHILDREN OF BODOM.. manco a dirlo l area davanti al main stage è praticamente colma di metalheads fino a quasi le transenne d 'ingresso compresa la collinetta laterale..un fiume di gente impressionante.
L'esibizione dei CoB si apre con l'immancabile "Needled 24/7", la band è carica,Alexi ,pare,un po meno o comunque appare sempre lo stesso personaggio perennemente scazzato.. e tutto questo(come dicono i colleghi) fa molto Rock n Roll. Scherzi a parte il pubblico è li solo per loro,e anche io son davvero curiosa di risentirli a distanza di anni... sicuramente la scelta della setlist non poteva essere la migliore in assoluto di tutti i tempi. I CoB lanciano sul pubblico il meglio della loro carriera "Kissing the Shadows","Bodom Beach Terror" ,l'immancabile "Halo of Blood","Scream for Silence" in cui si è assistito a un crowdiving  pazzesco,(non so come abbiano fatto gli uomini della security a blaccare tutti i metalheads che arrivavano oltre le transenne),le daze sono continuate con "Hate Crew Deathroll" e "Are You Dead Yet?" e di seguito tutte le altre "Towards Dead End","Hate Me!" e molte altre. Il concerto dei Children si è concluso con il loro cavallo di battaglia "In Your Face" lasciando tutti felici e un po stralunati..nonostante una presenza scenica ,quasi assente del tutto,il loro show è stato spettacolare,pulito e senza sbavature. Suoni ottimi grazie al rinnomato staff del metaldays che rendono ogni singola sibizione (in entrambi i palchi) a dir poco perfetta. Morale della favola  ..A distanza di anni rivedere i Children Of Bodom è stato come la prima volta. Grandiosi.



Ed ora ,finalmente il momento che ho atteso per tutta la giornata...OPETH! Che  dire ancora sugli Opeth e i loro live,credo che le parole per definirli siano praticamnte finite... credo che il loro concerto si poss rachiudere in questi aggettivi: MAESTOSI,EMOZIONANTI,SUBLIMI. Lo so che potrei essere di parte,ma ho visto questa band dal vivo talmente tante volte che non ce n'è mai stata una in cui mi abbiano delusa. Al Metaldays hanno portato questa scaletta: "The Devil's Orchard","Heir Apparent","White Cluster","Demon of the Fall","HopeLeaves","Atonement","Deliverance","The Lines in My Hand" e per ultima "Blackwater Park".. di meglio per me non poteva esseci nulla. Mikael Åkerfeldt si dimostra uno dei migliori frontman di sempre,con la sua precisione svizzera mentre suona e la sua simpatia nei piccoli buchi tra una canzone e l altra! Negli anni ho capito che una band come gli Opeth non è da via di mezzo... o la ami o la odi, ma in qualsiasi caso nessuno nega la bravura e la precisione sulle loro esibizioni dal vivo.Il pubblico presente,ovvero la quasi totalità di quelli che ancora potevano reggersi sulle proprie gambe e camminare,era tutto nell area del main stage per loro,per cantare e battere le mani.. ogni tanto ,inspiegabilmente partiva un accenno di pogo,che diciamocelo con gli Opeth è abbastanza fuoriluogo!
Devo dire che in questo frangente sono particolarmente grata agli organizzatori per non aver accavallato troppo le bands,cosi mi son potuta gustare per bene gli Opeth!
Ma come tutte le cose belle,prima o poi finiscono... e con ancora con nelle orecchie "Blackwater Park" che sta scemando mi dirigo al second stage per l ultima band della giornata.



In teoria il tragitto dal main al second stage non è eccessivo... ma ovviamente trovi incolonnamenti di metallari che tra drink in eccesso,stoppate improvvise per vedere le collaline con la morosa,persone che stramazzano davanti a te perchè ormai finiti da birra e stanchezza,gente che ti chiede se hai la scaletta per vedere gli orari dei gruppi e altre scenette divertenti...

In pratica quasi 20 minuti per arrivare al second stage in cui,ovviamente,hanno già iniziato gli IMMOLATION... in quel preciso momento avrei ,letteralmente ,potuto uccidere qualcuno e non mi è rimasto che guardare la loro esibizione dalla postazione dei fonici....
BRUTALI è il termine che si adatta a loro... sono della macchine schiaccia sassi,il pubblico presente era letteralmente stipato davanti al palco e dalle prime note di "Kingdom of Conspiracy" s'è scatenato il finimondo,perfino gente che cercava di pogare contro un albero
perchè non c era posto. Poco più di 1 ora per una scaletta da paura "Majesty and Decay","Swarm of Terror,"Into Everlasting Fire","Providence", "A Glorious Epoch", "God Complex", "World Agony","Indoctrinate","Lost Passion","Of Martyrs and Men","What They Bring","A Spectacle of Lies","Those Left Behind" e  "All That Awaits Us" hanno lasciato tutti completamnete senza fiato e forze..e sicuramente con una grandissima sete a fine concerto!
Nessuno si è risparmiato tra pubblico e musicisti,un esibizione grandiosa,divertimento allo stato puro.

Sono le 2 del mattino con gli Immolation si conclude la prima giornata del Metaldays 2014,io sono distrutta e lascio agli altri l energia di continuare a fare festa.
Domani...anzi..oggi è un nuovo giorno!

Guarda la gallery completa del primo giorno!

Ultimo aggiornamento Martedì 12 Gennaio 2021 15:52