live in italy

02.10.2022
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione All Shall Perish - The Price Of Existence
Scritto da Webmurder   
Giovedì 12 Agosto 2010 13:18

All Shall Perish - The Price Of Existence (Nuclear Blast 2006)

 

AllShallPerish-ThePriceOfExistence

Nulla si crea... Nulla si distrugge... ma tutto si modifica! Assolutamente non mi ricordo chi disse questa frase, si può benissimo applicare agil All Shall Perish (come a tantissime altre band intendiamoci, ma la frase mi piaceva molto).
La band proviene dalla bay area.... Oakland-California. Apparte l'invidia che mi sprizza un po' avunque, la loro location ci da già idea che la loro impostazione sarà deth; Infatti la band propone una sorta di death-grind alla Canniball Corpse, ma con una fortissima attitudine Hard Core.... che era ancora più accentuata nel disco precedente, "Hate.Malice.Revenge".
Stando alla lor scheda tecnica la band ha una grossa propensione per la dimensione live, dove esprimerebbe al meglio il suo grande potenziale. Hanno calcato i palchi con bands del calibri di Hate Eternal, Dying Fetus, Brujeria, Bleeding Trouth, Mortician.....
Il disco spacca di brutto. Sia la produzione quasi esagerata, anche se per niente innovativa, che l'esecuzione chirurgica rendono TPOE un ottimo disco.
Non inventano niente, come suggerito prima.... il riffing prende le parti malate dal Deth estremo classico e le parti cadenzate dalle molteplici enciclopedie dell' Hard Core di qualche anno fa.
Il nuovo cantante infonde un po' più di personalità al tutto con la sua maggiore versatilità.... gran fogna devo dire. Il drumming è molto potente e tecnico... sempre con buon gusto comunque.
Sonorità alla Morning Again sono praticamente scomparse, ma compaiono certi elementi di Black interessanti, che rimandano ai nostrani Graveworm.

Fondamentalmente un rullo compressore che fa della tecnica il suo carburante e di qulche spruzzata di melodia il lubrificante. Un buon disco.
Sicuramente ci sono cose che preferisco, ma per gli amanti dell'estremo con le palle quadre dovrebbe andare più che bene!

6,5/10

Web: www.allshallperish.com

Lineup:
Hernan Hermida - Voce
Ben Orum - Chitarra
Mike Tiner - Basso
Chris Storey - Chitarra
Matt Kuykendall - Batteria

Tracklist:
01. Eradication
02. Wage Slaves
03. Day Of Justice
04. There Is No Business To Be Done On A Dead Planet
05. Better Living Through Catastrophe
06. Prisoner Of War
07. Interlude
08. We Hold These Truths
09. The True Beast
10. Promises
11. The Last Relapse