live in italy

26.11.2022
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione The House Of Capricorn – In The Devil’s Days
Scritto da Reaper   
Sabato 05 Novembre 2011 10:58

The House Of Capricorn – In The Devil’s Days (2011 - Swamps of One Tree Hill)

Arrivano dalla Nuova Zelanda questi The House Of Capricorn, con diversi demo un EP e un solo predecessore di “In The Devil’s Days”.
La band cammina sempre sul confine tra il doom più cupo e cavalcate stoner,come un ipotetico split diviso tra i Black Sabbath e gli Orange Goblin.
E sabbathiane fino al midollo sono “Les innocents” (che ricorda moltissimo il brano omonimo del combo di Birmingham,con tanto di campane) e “Horns” che riversa 14 minuti neri come la pece.
A far loro da contraltare troviamo un pezzo come l’opener “All Hail To The Netherworld” in cui si respira pienamente il suono del deserto,come in una versione più cattiva dei Kyuss.
Ottima la prestazione del cantante che sa ben destreggiarsi sia con la voce più cupa e sporca che con quella più pulita a seconda dell’esigenza della canzone; paragonabile a tratti allo stile (vocale e musicale) al Maynard  Keenan di Tool ed A Perfect Circle.
Il livello delle composizioni è tutto di buona qualità,tanto che la lunghezza dei brani non porta mai ad annoiare nel corso dell’ascolto.
Un disco tranquillamente sopra la sufficienza.


Voto: 7

Website: http://www.thehouseofcapricorn.com/

Line-up:

Ami Holifield  - basso
Michael Rothwell  - batteria
Scott Blomfield  - chitarre
Marko Pavlovic  - voce

Tracklist:

1. All Hail To The Netherworld 
2. Les Innocents 
3. Coffins and Cloven Hooves 
4. Arcane Delve 
5. Canto IV 
6. Veils 
7. To Carry The Lantern 
8. Illumination In Omega 
9. Horns 
10. In the Devil's Days