live in italy

06.02.2023
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione Silentium / AR – The Ancient’s Wisdom/ The Eternal Circle of Life (Split Album)
Scritto da BloodyMarha   
Domenica 04 Novembre 2012 18:41

Silentium / AR – The Ancient’s Wisdom/ The Eternal Circle of Life (2012, Casus Belli Musica)

Rispetto ai sottogeneri metal che siamo abituati ad ospitare su TMI, l’ambient è quello di cui meno si legge. A causa della sua natura ostica passa spesso per figlio di nessuno e non sempre è facile individuare un buon lavoro.
Ora, per descrivere lo split rilasciato da Silentium e Ar (che è poi in realtà la ristampa dei due lavori usciti rispettivamente nel 1995, e nel 1999), vorrei fare un paragone culinario (abbiate fede, seguite il ragionamento e vedrete che ha un suo significato). Poniamo che l’ambient sia come il tartufo, tutti pensano di averlo mangiato una volta nella vita, ma in realtà si trattava solo di salsa tartufata. Intendiamoci, per quanto possa essere buona e saporita, è pur sempre un’imitazione. Ecco, il sapore di questo disco, è proprio quello della salsa tartufata, con due sfumature ben distinte.
I Silentium, occupano con il loro “The Ancient’s Wisdom” ben 18 canzoni; di brevissima durata e francamente pochissimo sapore. Il poco che si salva sembra frutto di una recording session di uno studente di ingegneria del suono. Suoni banali, ripetitivi, talvolta sconnessi, effetto vintage che più che donare, infierisce pericolosamente su quanto già prodotto. Onestamente vedrei la musica di Silentium adatta al cinema, o applicata alla performance art; presa singolarmente risulta un esperimento mal eseguito.
Diverso, quasi radicale, l’approccio degli AR, i quali oltre a proporre delle tracce più sostanziose musicalmente, provano a seguire una linea logica, e le loro 15 canzoni (di cui due remix) appaiono più maestose rispetto quelle di Silentium. L’uso delle tastiere è più consapevole, seppur la sensazione che un intero disco sia stato costruito pressoché sul nulla, non abbandona mai veramente l’ascoltatore.
Per tornare a monte del mio discorso, l’ambient è difficile, però è altrettanto difficile far passare questo split per un lavoro accettabile.

Voto: (Silentium) 3; (AR) 5

Website: http://www.facebook.com/events/138123829657146/

Tracklist:

Silentium -  1. (Intro) The Forest   
        2. Dying Nature (Requiem) 
                     3. The Royal Hunting 
                     4. Errata
                     5. Above the Clouds   
                     6. Nuclear Tears of Hiroshima   
                     7.The Moonlight Lake   
                     8. The Spektrum of Darkness   
                     9. Igni et Ferro   
                    10. Cradle of Dreams   
                    11. In Saecula Saeculorum 
                    12. Prelude in Sad Minor   
                    13. Kimeria   
                    14. Illusions Kingdom   
                    15. The Hidden By Veil   
                    16. Seas of Tears 
                    17. Errata (Version II)   
                    18. (Outro) The Forest
AR –             19. The Gates Are Open
                   20. As Autumn Leaves Fall
                   21. The Winds That Blow From The Black Sea
                   22. Snowfall
                   23. Crystal of Ice
                   24. Funeral Pyre (Fire Journey to the Stars)
                   25. The Skies Are Silent
                   26. Broken Silence
                   27. The Return Of the Horned One (The New Spring Comes)
                   28. The Black Mirror of the Silent Lake
                   29. Drops of Moonlight
                   30. Closing the Gates
                   31. Occulting Light (Taking Charon’s Ferry)
                   32. MandragARa –  Crystal of Ice (remix by Graham A. Gosnell)
                   33. MandragARa – Funeral Pyre (remix by Graham A. Gosnell)