live in italy

06.10.2022
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione Angst - In Hoc Signo Vinces
Scritto da Ezio   
Martedì 17 Agosto 2010 09:34

Angst - In Hoc Signo Vinces (Black Attac 2005)

 

Angst-InHocSignoVincesEnnesimo parto malefico dalle lande del grande Nord, questa volta tocca agli svedesi Angst. Si parla di black metal, come avrete ormai immaginato. Le coordinate di questo gruppo sono riconducibili da un lato ai Marduk, per la velocità di esecuzione e la frenesia che attraversa i poco più di 30 minuti del cd; dall'altro è presente una chiara influenza dei Darkthrone, in particolare del periodo Transilvanian hunger (avete presente, quella classica melodia gelida...) nei riff di chitarra. A dispetto della poca originalità, il risultato è molto buono, vuoi per l'ottima produzione (per un gruppo black) che permette di distinguere chiaramente ciò che viene suonato pur senza compromettere la ferocia e l'abrasività del suono, vuoi per un effettiva ispirazione nella composizione. Un gruppo che guarda chiaramente verso il true black dei primi '90 ma riesce a ritagliarsi un suo perchè nel 2005. We are but slaves of the ones with horns!

7,5/10

web: www.angstband.cjb.net

Lineup:
Adimiron - vocals
Charasith - guitars
Sorgh - bass
Vrashtar - drums

Tracklist:
1. One man deathsquad
2. The second coming
3. Golgotha
4. A thousand scars (the promised kingdom)
5. Upon a throne of skulls
6. In hoc signo vinces (by this sign, thou shalt conquer)
7. Lykania
8. Divine wrath
9. The aeon of genocide