live in italy

26.11.2022
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione Soilwork- The Ride Majestic
Scritto da Draconianhell   
Martedì 10 Novembre 2015 16:04

 

Soilwork The Ride Majestic (Nuclear Blast Records)

Il 2015 è senza dubbio un annata aurea per le uscite nel nostro amato genere,che ha portato tantissime conferme e lavori strepitosi! Come molti di noi,attendevo con  ansia l'uscita del nuovo capitolo dei SOILWORK,il 15°per essere precisi.
Gli svedesi partoriscono "THE RIDE MAJESTIC " , che è il degno sucessore di The Living Infinite uscito due anni orsono in un doppio album che aveva dell'incredibile.
"THE RIDE MAJESTIC "  è 50 minuti di esplosione musicale.Rispetto al suo predecessore troviamo moltissimi cambi tempo in piu' e piu' armonicita' anche grazie alla massiccia presenza di parti corali,che non fanno assolutamente perdere l'impronta musicale tipica di questa band,anzi. E' praticamente impossibile pensare alle partitura musicale slegata dai testi ,che, in  "THE RIDE MAJESTIC " ,hanno un unico filo conduttore "Vita e Morte".
Bjorn in un anteprima sulla realizazzione  di The Ride Majestic ha spiegato che tutto il lavoro è una sorta di "tributo" a tutte le persone che conoscevano e che durante la stesura del disco son venute a mancare... un modo per ricordare che la vita ,dopotutto è una magnifica corsa!
THE RIDE MAJESTIC è un opera assoluta e unica,che determina un ulteriore crescita professionale per i Soilwork che continuano con la loro musica a portarci in inconsapevoli viaggi musicali.Questo album non ha assolutamente nulla di noioso, ti trascina dalla prima all'ultima canzone senza che te ne rendi conto. Con le sue atmosfere e gli inaspettati picchi di cambi tempo cattura al massimo l attenzione dell ascoltatore e, come in The Living Infinite, e' difficile parlare  per singola traccia.
"THE RIDE MAJESTIC "  è un lavoro  che mette in risalto la bravura di questa band. Bravura che gli permette di mantenere un armonia totale in tutto l'album che e'  caratterizzato dalla massiccia presenza delle pelli di Dirk ,dalle chitarre che sembrano scivolare a tratti tra seta e chiodi, dalla voce di Speed che si riconferma superlativa anche grazie alle  numerose parti corali e la new entry della band Markus Wibom (ex Hearts Alive) che dimostra di avere tutti i numeri per poter fare grandi cose con i Soilwork come gia' dimostrato in The Living Infinite.

In Ride The Majestic son presenti due guests che affiancano Bjorn parliamo di Nathan James Biggs (SONIC SYNDICATE) in  'Father and Son, Watching The World Go Down' e di Pascal Poulsen (ODIUM) in  'The Phantom'.

Ricordo che la band  sarà in tour europeo come headliner tra Novembre e Dicembre e toccherà molte citta' .. di cui l'1 Dicembre l'unica data Italiana al Colony di Brescia!


Voto 9


Tracklist:
1. The Ride Majestic 4:09
2. Alight In The Aftermath 3:47
3. Death In General 4:59
4. Enemies In Fidelity 4:16
5. Petrichor By Sulphur 5:11
6. The Phantom 3:57
7. The Ride Majestic (Aspire Angelic) 4:46
8. Whirl Of Pain 5:02
9. All Along Echoing Paths 4:21
10. Shining Lights 3:43
11. Father And Son Watching The World Go Down 5:40

Bonus track nella versione digi:
12 Of Hollow Dreams     4:08     
13 Ghosts And Thunder

Line UP:
Björn Strid − voce
Daniel Antonsson − chitarra
Sylvain Coudret − chitarra
Sven Karlsson − tastiere
Markus Wibom – basso
Dirk Verbeuren − batteria

soil band

Ultimo aggiornamento Lunedì 21 Dicembre 2015 15:58