live in italy

06.10.2022
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione Brian Head Welch - Save Me From Myself
Scritto da Underdestroy   
Martedì 17 Agosto 2010 14:35

Brian Head Welch - Save Me From Myself (Driven Music 2008)

 

BrianHeadWelch-SaveMeFromMyselfFinalmente è arrivato il momento del tanto atteso "Save Me From Myself" album di debutto dell'ex chitarrista dei Korn Brian Head Welch da alcuni anni (4 giorno più o giorno meno) passato ad una dedizione totale verso la religione cristiana e depurato da alcool e droghe varie (mbah...).Nell'ascoltare il disco la cosa che pare più evidente è che suona molto più Korn quest'ultimo che l' "Untitled" dei suoi ex colleghi, ci sono molti punti di richiamo con i primi album dell'ormai ex quintetto americano come il groove dei riffs che spesso rimanda al primo album omonimo come in "L.O.V.E", nel primo singolo "Flush", nella title track "Save Me From Myself" o in "Shake". Il tema dell'infanzia, altra caratteristica prettamente korniana, che ritroviamo sotto forma di pianto di neonato in "Loyalty" o nella filastrocca recitata da bambini di "Re-Bel" e qualche passaggio diciamo tendenzialmente più rock come in "Money".Altra caratteristica importante di questa produzione è la voce di Head forse non proprio all'altezza e il continuo tentare di imitare lo stile del buon Davis risulta un pò contro producente anche se comunque nei passaggi melodici riesce ad avvolgere le canzoni con una sorta di velo dark che ricorda i Paradise Lost di inizio millennio, ascoltate la conclusiva "Washed By Blood" e capirete.Bèh insomma, a dire la verità questa release anche se non è un capolavoro non è affatto male e proprio per questo aumentano i rimpianti per un Head che ai Korn manca come il pane.Torna a casa Head!!!!

6,5/10

Web: it.myspace.com/fightcast

Line Up.
Brian Head Welch – guitar/vocal
Tony Levin – bass
Josh Free – drums
(lineup non definitiva)

Tracklist:
1.
L.O.V.E
2. Flush
3. Loyalty
4. Re-Bel
5. Home
6. Save Me from Myself
7. Die Religion Die
8. Adonai
9. Money
10. Shake
11. Washed By Blood

Ultimo aggiornamento Martedì 23 Ottobre 2012 19:48