live in italy

28.05.2017
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione Korn - Live At The Hollywood Palladium
Scritto da BloodyMarha & Reaper   
Venerdì 07 Settembre 2012 17:00

Korn - Live At The Hollywood Palladium (2012 Roadrunner Records – AFM Records)

[Le seguenti opinioni si riferiscono al promo audio, da noi ricevuto; non ci è pertanto possibile giudicare la parte visiva, e non in alcun modo intendiamo farlo]

Qualcuno deve essersi perso a Hollywood (citazione da un altro grande gruppo affine ai Korn…), o meglio al Palladium: patinata location della nuova creatura della band statunitense.
Il concerto filmato è l’ennesimo live ufficiale dei Korn, che accompagna il “The Path of Totality Tour”; il quale prende il nome dal discusso ultimo full-lenght, nella quale Jonathan Davis e compagni hanno pensato di sperimentare gli inaspettati territori del dubstep con tanto di collaborazioni con dj etc., e altri misteri che a tutt’oggi restano incompresi per noi fans dei bei vecchi Korn.
L’organizzazione della scaletta appare come una scelta totalitaria, quasi razzista, da un lato le nuove creazioni,  7 canzoni che stridono, tutte assiepate, e mancano di una adeguata gestione sul versante live; dall’altro lato le vecchi glorie, i cavalli di battaglia, la quale resa non sempre risulta ottimale, come nel caso di “Freak On A Leash” o una “Got The Life” più rocciosa ma meno veloce, che era uno dei suoi punti di forza. Altro dubbio sorge nel vedere inserita la cover di “Another Brick In The Wall”, ottima nella resa ma sicuramente “ingombrante”( occupa 11 minuti) ed infine un accenno di un minuto a “One” in coda a “Shoots and Ladders”, quanto meno inutile e francamente insignificante.
I Korn non escono bene da questa performance, e si tirano dietro gli strascichi dei malumori causati dalle loro ultime produzioni in studio. Davis nelle foto appare in grandissima forma, ma la voce lo tradisce e così il carisma che da sempre caratterizza i live della band californiana. Certo è lecito pensare che in un tour lungo e impegnativo ci sia una serata sottotono, ma è veramente necessario che poi quella stessa pessima prova, venga confezionata e venduta ai fans, solo per avere la dicitura Hollywood sopra? Rimandati al prossimo giro...


Voto: 5

Website: www.korn.com

Line-up:

Jonathan Davis – voce, cornamusa
James "Munky" Shaffer - chitarra, voce
Reginald "Fieldy" Arvizu - basso
Ray Luzier - batteria

Tracklist:

01. Get Up!
02. Kill Mercy Within
03. Illuminati
04. Chaos Lives In Everything
05. My Wall
06. Way Too Far
07. Narcisstic Cannibal
08. Here To Stay
09. Freak On A Leash
10. Falling Away From Me
11. Predictable
12. Another Brick In The Wall
13. Shoots And Ladders
14. One
15. Got The Life
16. Blind