live in italy

01.12.2020
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione Theatre of Tragedy – Last Curtain Call
Scritto da BloodyMarha   
Sabato 07 Maggio 2011 10:06

Theatre of Tragedy – Last Curtain Call (AFM Records, 2011)

[Premetto che il seguente promo, mi è stato fornito nella sua versione audio; pertanto mi accingo a giudicare e recensire quest’ultima, tralasciando i dettagli legati alle immagini]
Ci eravamo lasciati nel 2009, quando dopo l’esperienza non troppo entusiasmante dell’uscita di “Forever Is The World” i Theatre of Tragedy avevano deciso di sciogliersi.
A distanza di qualche mese dalla dichiarazione ecco il loro regalo di addio: un dvd per calare il sipario sulle loro gesta. Ora, quello della band norvegese, sembrava già da tempo un declino, ma con quest’ennesima uscita, c’è da pensare che la tenda del sipario sia caduta in testa ai ToT!
Sin dall’apertura affidata ad “Hide and Seek”, traspare una sorta di rigidità; nessun saluto, nessun cenno, si suona e basta. I brani scorrono, eseguiti alla lettera, senza variazioni e senza sbottonarsi troppo. La resa sonora non è delle migliori e il cantato di Nell regge solo fino a “Storm”, dove si consuma letteralmente una tragedia (ok, tutti possono sbagliare, ma su un brano così semplice? Cara Nell, se mai qualcuno ti avesse chiesto di cantare “Angelique” tanto per citare uno dei brani vecchia scuola annessi alla vecchia gloria Liv Kristin?).
Freddezza nordica, dirà qualcuno, ok ci può stare, ma ciò che arriva alle orecchie è la voglia di chiuderla in fretta quella serataccia. Forse ci si aspettava una celebrazione vera e propria e invece la band era stanca anche per questo. Indebolita da brani triti e ritriti, da una morta che di fatto si trascina dietro dal cambio di line-up, quando a cambiare è stato lo stile e l’impostazione del gruppo. “Last Curtain Call” non fa altro che alimentare una forte delusione verso i ToT, che avrebbero dovuto ritirarsi molto prima, senza passare da questo macabro tentativo di salutare tutti, con il tono scocciato e freddo, privo di emozione, a cui, agli inizi non ci avevano di certo abituato.


Voto: 6

Website: http://www.theatreoftragedy.com/

Line-up:

Hein Frode Hansen – batteria  
Lorentz Aspen  - tastiere
Raymond Istvàn Rohonyi - voce 
Vegard K. Thorsen  - chitarre  
Frank Claussen  - chitarre  
Nell Sigland  - voce

Tracklist:

1. Hide and Seek     
2. Bring forth Ye Shadow     
3. Frozen     
4. Ashes and Dreams     
5. A Rose for the Dead     
6. Fragment     
7. And When He Falleth     
8. Venus     
9. Hollow     
10. Storm     
11. Image     
12. A Hamlet for a Slothful Vassal     
13. Fade     
14. Machine     
15. Der Tanz Der Schatten     
16. Forever Is The World