live in italy

20.03.2023
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Intervista Dirk Verbeuren(Soilwork)
Scritto da DraconianHell   
Lunedì 11 Marzo 2013 20:21

Eccoci a un altra intervista targata TheMurderInn.it.Questa volta risponde alle nostre domande Dirk Verbeuren,batterista dei Soilwork.Per me è un grande onore poterlo intervistare,sopratutto dopo aver fatto la recensione di "The Living Infinite" il loro ultimo lavoro in studio.
Buona Lettura!


DH: Ciao sono Elena "DraconianHell" di TheMurderInn.it. Benvenuto Dirk sul nostro portale è un piacere ospitarti e avere la possibilità di parlare con te di "the Living Infinite".Prima di tutto,come stai?

Dirk: Ciao,Grazie per il benvenuto che date a me e a tutti i Soilwork.Sto molto bene ..alla grande direi. Proprio in questo momento sono in aereo e mi sto dirigendo alle prime prove dall agosto dell anno scorso.Ci stiamo preparando a 7 settimane non stop che ci porteranno in tour per il nord America e il Canada,che ci metteranno a dura prova.

DH: Qui in Italia avete una larga schiera di fans, sicuramente ansiosi si sapere dalla tua voce qualcosa in piu sull ultimo vostro lavoro in studio "The Living Infinite".Una cosa che mi ha lasciata stupefatta durante la recensione è trovarmi davanti a un doppio cd con dentro ben 20 pezzi.Una cosa assai rara  per un lavoro in studio.Parlaci un po di "The Living Infinite" e della scelta di lavorare appunto su un lavoro cosi complesso e "rischioso", visto che negli ultimi anni il settore della musica ha avuto diverse difficoltà.

Dirk: Beh tutto  nato da un idea che Speed,che aveva in testa gia da diversi anni.E dopo averci riflettuto tutti insieme ci siamo detti "hey perchè no"?E cosi ci siamo lanciati nell impresa. E hai ragione quando dici che è stato un lavoro rischioso e impegnativo,ma nello stesso tempo aveva qualcosa di cosi inusuale, da rendere tutto cosi naturale che quasi neanche ci siamo accorti del lavoro che stavamo facendo. Ma una cosa era estremamente chiara nella nostra mente,ovvero di creare comunque delle ottima musica.Cosi ogniuno di noi si è messo a buttare giu idee di riff,arrangiamenti e testi ... e  in pochi mesi ci siamo trovati ad aver per le mani ben 27 demo di "Idee".. "The Living Infinite" iniziava a  prendere forma.
Per quel che riguarda il mondo del music businness e di quello che ruota intorno ad esso,,hai perfettamente ragione ma ,penso,che  per i Soilwork non ci sarebbe stato nessun momento migliore se non questo, per lasciare un marchio indelebile! Sfornando 20 canzoni assassine per un totale di 84 minuti.Diciamo che ne sentivamo la necessità.


DH: Il Primo di Marzo è uscito in Europa "The Living Infinite".Tutte le recensioni (compresa la nostra)che ho letto sono tutte favorevoli e affermano che è uno dei lavori piu buoni degli ultimi anni.Quale pensi sia l impatto che avrà sui fans?

Dirk: Sono sicuro che i nostri fans lo ameranno(ride)....Apparte gli scherzi,credo fermamente che i metalheads con una certa apertura mentale lo ameranno,come lo amiamo noi."The Living Infinite" contiente cosi tanti elementi sia di musica che di idee personali che credo,sia impossibile rimanerne "estranei".Siamo molto orgogliosi del risultato finale.Con "The Living Infinite" abbiamo sviluppato al meglio tutte le nostre capacità e potezialità sia come band sia come musicisti,dando libero sfogo alle nostre idee senza mai perdere di vista quello che sono i Soilwork,ovvero una band energica,atmosferica,epica e con un Metal che ti prende a calci in culo.

DH: Nei mesi scorsi tra il canale Youtube della Nuclear Blast e altri canali internet avete cominciato a preparare mentalmente il pubblico a quello che è "The Living Infinite".La scelta di far uscire ,prima ,"Specrtum of Eternity" e poi "this Momentary Bliss" credo sia stata ragionata.vorrei sapere da te come mai avete sceltro proprio questi due brani.

Dirk: La scelta non è stata semplice,volevamo due pezzi che rappresentassero "The Living Infinite"."Spectrum of Eternity" con il suo Thrash veloce ed epico e sicuramente una delle piu veloci canzoni che abbiamo mai scritto con delle melodie che,a parer nostro catturano l ascoltatore.Una voce melodica che sovrasta un blastbeats credo siano i punti di forza di questa canzone..insomma un bel contrasto sonoro. Per quel che riguarda invece "This Momentary Bliss", con le sue chitarre e i cori di Speed, è stata scelta perchè  è un po il filo conduttore con quello che eravamo  con "A Predator’s Portrait" e che continuiamo ad essere.
In poche parole ci siamo detti..."vi piacciono queste canzoni?Allora amerete anche "The Living Infinite" e i fans hanno assolutamente confermato questo, visto l entusiasmo che abbiamo avvertito e l attenzione che si è creata intorno a questi due pezzi


DH: "The Living Infinite" è sicuramente un lavoro estremamente complesso e vario,con molti stili,influenze e cambi di tempo,ma che mantiene il suono Soilwork dalla prima all ultima canzone. Come nasce una canzone dei Soilwork e da dove prendete l ispirazione?

Dirk: Hai detto bene ,"The Living Infinite" e davvero un lavoro diverso e questa è una delle cose che ci piace di piu.Non ci poniamo mai nessun tipo di limite durante la stesura dei pezzi.Ogni componente porta sul tavolo le proprie canzoni,con i propri riff e arrangiamenti e la propria vita ,e questa  è la parte che ci richiede piu tempo.La mia opinione riguardo "The Living Ifinite" è che richiama la ricchezza e la diversità dei primi nostri lavori. L ispirazione viene tutta da dentro di noi..una specie di viaggio in se stessi,Molto introspettivo.Difatti penso che se tu facessi a ogniuno di noi questa domanda ti risponderemmo tutti in maniera differente.Una cosa credo che valga per tutti ed è quella che "The Living Infinite" è stata una fonte di ispirazione e rappresenta perfettamente i Soilwork.

DH: Con "The Living Infinite" c'è stata una novità,ovvero l arrivo in band,in fase di registrazione di David Andersson, E' stato come una specie di "battesimo del fuoco" per farlo diventare un membro effettivo della band?

Dirk: In un certo modo si !(ride) David è venuto in tour con noi come chitarrista sostituto molte volte in passato. E' un amico di lunga data di Speed,ed è,sia un ottimo musicista che un ottimo compositore,sicuramente molto talentuoso. Quando dovevamo registrare le parti di chitarra con Peter ci è venuto spontaneo chiedere a Dave. Ed è stata la scelta giusta visto l impatto che ha reso in piu in "The Living Infinite".

DH: Qual'è la canzone sul nuovo lavoro che senti piu tua e quella che ti ha divertito di piu suonare in fase di registrazione.

Dirk: Hmmm... Sicuramente durante o dopo il tour potrei essere un po piu preciso a riguardo,visto che molte canzoni sono state suonate solo in fase di registrazione.Ma posso dirti che le canzoni che mi piacciono di piu,forse, di piu sono "Tongue" e "Rise Above the Sentiment" che sicuramente dal vivo saranno strepitore da suonare.Poi ,chi lo sa,magari un giorno riusciremo a suonare dal vivo tutto "The LivingInfinite"!

DH: Presto vi imbarcherete nel tour promozionale,ovviamente speriamo in una tappa qui in Italia.Se non sbaglio l ultima volta che avete suonato da noi è stato nel 2010 per il tour di "The Panic Broadcast" in cupporto agli All That Remains.Quali sono
i tuoi ricordi del nostro Paese e dei vostri fans qui?

Dirk: Per noi è sempre un emozione venire in Italia,la troviamo bellissima.Da voi bbiamo avuto esperienze buone e meno buone,e siamo eccitati all idea di poterci tornare perchè speriamo che "The Living Infinite" piaccia ai fans italiani e  le date siano  sold out,perchè abbiamo avuto sempre un calorosissimo benvenuto e ci sentiamo un po come a casa quando veniamo della vostra nazione.

DH: Prima di salutarci ti lascio un piccolo spazio se vuoi dire qualcosa ai nostri amici/lettori di TheMurderInn.it

Dirk:Grazie Grazie Grazie per il supporto che date ai Soilwork da anni ..e ora uscite e andate a comprare una copia di "The Living Infinite" (ride) e spero di vedervi in tanti ai nostri concerti.

DH:Eccoci ai saluti finali.. Io e tutto il nostro staff di TheMurderInn.it ti ringraziamo per la gentilezza e non resta che vederci on stage in Italia.

Dirk: Ancora grazie per il lavoro che fate e per supportare la musica Metal! Keep the Murder Inn a killer place!

Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Maggio 2016 15:55