live in italy

23.11.2017
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Intervista Sonata Arctica (2016)
Scritto da Somberlain   
Mercoledì 26 Ottobre 2016 10:12

Il nono capitolo discografico dei Sonata Arctica ci ha permesso di intervistare Henrik Klingenberg (tastierista) e, per qualche minuto, Tony Kakko (cantante) e di chiedere lumi su cosa bolle in pentola in casa dei finlandesi. Ecco quanto ci hanno detto:

- "The Ninth Hour" è il vostro nono album in studio. Potete parlarci delle tematiche attorno alle quali ruota il disco?

Henrik: Non è un vero concept album, ci sono diverse storie, ma diverse canzoni trattano della natura e del futuro dell'uomo, e queste tematiche vanno nella stessa direzione della copertina.

Tony: tratta in un certo senso di maggiore consapevolezza sull'ambiente, che deve spingerci a fare delle scelte, che toccheranno anche i nostri figli e le generazioni future. È un cliché, ma non vorresti che i tuoi figli facciano il bagno nel veleno o cose del genere, per non parlare dei nostri nipoti. Fondamentalmente l'album tratta di questo. Chiaramente per cambiare non basta che cambi una persona sola, ci vogliono leggi o cose del genere. Per esempio, io non mi sento amorevole nei confronti dell'ambiente, anzi considero me stesso più una parte del problema che una soluzione, e se pensiamo alle automobili elettriche, non mi piace usarle, ma possono essere più economiche, oltre che meno inquinanti.

- In Finlandia vivete a stretto contatto con la natura, sentite ancora di più questo legame, immagino...

H: sì, assolutamente, dove vivo è calmo e freddo, non ci sono molte persone, mi piace molto andare in giro nelle foreste, stare all'aria aperta, e quindi sento queste tematiche molto importanti

- Potete dirci qualcosa in più riguardo la copertina?

H: sì, è stata fatta da Janne Pitkanen, che cura le nostre copertine da tempo. L'idea dietro questa è che nel background hai una specie di utopia futura, mentre davanti abbiamo questa situazione bilanciata, tra natura, rappresentata dal lupo nella lente, e distopia nell'altra. Al momento la situazione presentata nelle lenti è bilanciata, l'obiettivo ovviamente è quello di andare verso l'utopia e non verso la catastrofe. Quanto al lupo, li abbiamo sempre avuti nelle copertine eccetto per "Stones grow her name", e questo è stato in qualche modo un errore. Continueremo a farlo anche in futuro.

 

Tony Kakko

- Pensate che ci sia speranza di migliorare le cose e di non scivolare nel futuro distopico rappresentato in copertina?

H: Assolutamente, c'è speranza, c'è il modo di cambiare le cose, non vogliamo certo buttarci da un burrone. Dobbiamo semplicemente prendere coscienza che fra qualche anno potrebbe essere troppo tardi.

T: Penso a una ventina di anni fa: non sapevamo cosa fosse il riciclaggio. Quando è iniziato sembrava una cosa terribile, ma ora è una cosa naturale, e persino per i miei figli lo è, tanto che quando sbaglio mi correggono "hai buttato quella roba nel cestino sbagliato!". Si impiegherà tempo, ma qualcosa si può fare.

- A ogni modo, questo album suona decisamente più cupo dei precedenti...

H: Sì, assolutamente più cupo, e in effetti ce lo stanno dicendo in molti.

Foto gentilmente concessa da Jessibluphotography - Jessica Bellingardi

( http://www.instagram.com/jessibluphotography/ )

- è stato semplice registrare questo disco?

H: È stato un po' stressante per Tony, ma il processo di registrazione vero e proprio è stato veramente semplice. In qualche modo alternarsi tra composizione e concerti, tra cui il tour coi Nightwish, è stato un po' caotico. Qualche volta in passato siamo stati più ordinati, ma in realtà ogni volta succede qualcosa di nuovo e inaspettato.

- State intraprendendo un nuovo tour europeo da headliner, che aspettative avete e cosa ci potete dire del vostro gruppo di supporto?

H: Il primo tour europeo sarà molto breve, perchè avremmo dovuto pubblicare prima il nuovo disco, e di conseguenza iniziare prima il tour stesso, per poi intraprendere quello nord americano. Suoneremo coi Twilight Force, sono simpatici e degli intrattenitori. Sarà divertente stare in tour con loro.

- Parlando invece di una singola traccia, "Raise a Night" mi sembra una sorta di tributo al passato...

H: si tratta di qualcosa che è arrivato alla fine delle sessioni di registrazione. Volevamo un brano più veloce. Non è una canzone difficile da fare, ed è stato piacevole registrarla. Potrebbe stare bene su Reckoning Night in effetti, insomma, sì, è un tuffo nel passato.

- I Sonata Arctica sono sulle scene da circa 17 anni. Se dovessi fare una retrospettiva dall'inizio della vostra carriera, con canzoni veloci e semplici, a oggi, con una sorta di cambiamento nel mood, brani più cupe e introspettivi...cosa pensi della vostra evoluzione?

H: Penso che l'evoluzione sia dipesa sia da noi che dagli eventi esterni, dalle circostanze. Quando abbiamo iniziato a suonare gli Stratovarius erano il nostro principale punto di riferimento. Chiaramente oggi non siamo più i ragazzi che hanno iniziato a suonare quasi 20 anni fa. Siamo cresciuti, e penso continueremo a farlo. Credo che sia una avventura fantastica.

 

Henrik Klingenberg - Foto gentilmente concessa da Jessibluphotography - Jessica Bellingardi

( https://www.instagram.com/jessibluphotography )

 

- Avete già in mente cosa fare dopo il tour di supporto a "The Ninth Hour"?

H: Saremo in tour più o meno due anni, e poi potremmo pubblicare un dvd, che probabilmente uscirà nel 2018. Abbiamo già in mente che tipo di dvd vogliamo. Sarà qualcosa differente, non si tratterà semplicemente di registrare un concerto.

- A proposito di tour, preferite i festival o concerti più piccoli?

H: Ovviamente ci piace suonare d'estate davanti a tantissime persone, ma sinceramente preferisco suonare al chiuso. In qualche modo è più facile controllare tutto, nei club: luci, strumentazione, scaletta. Durante un tuo tour sei più in grado di fare esattamente lo show che vuoi, mentre nel festival sei sempre di corsa e, condividendo chiaramente il palco con tanti gruppi, non puoi programmare tutto come vuoi.

-  L'intervista è conclusa, concludete come volete.

H e T: Speriamo che il nuovo album vi piaccia, ciao!

Ultimo aggiornamento Mercoledì 26 Ottobre 2016 10:28