live in italy

02.10.2022
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Intervista Enslaved
Scritto da The Somberlain   
Venerdì 01 Ottobre 2010 07:52

Intervista Enslaved

Enslaved

 

Dicembre 2008
Gli Enslaved sono una band che ha fatto la storia del metal, partendo dal black in puro stile norvegese per poi cominciare pian piano e con naturalezza ad esplorare ogni sfaccettatura del panaorma musicale, senza mai perdere di originalità e di integrità. Abbiamo parlato con il cantante e membro storico della band Grutle e con il recente acquisto Herbrand, tastierista ed abbiamo scoperto alcune cose interessanti sul passato ed il rpesente degli Enslaved!

 

Somberlain : Descrivici “Vertebrae”. Quali sono le principali differenze tra questo e “Ruun”?

Herbrand : Vertebrae è in qualche modo una miscela tra i vecchi Enslaved e i nuovi Enslaved. Abbiamo mixato qualcosa dei vecchi riff blackmetal con materiale progressive e melodico. Per ora è difficile confrontare due album così vicini come uscita.. dammi un’anno di tempo e ti dirò di più! Noi cerchiamo sempre di creare il nostro album preferito, e questa volta è Vertebrae.

Somberlain: E’ stato facile registrare l’album?

Herbrand : Non è mai facile registrare un album, ma eravamo ben preparati prima di entrare in studio. Gli anni “on the road” ci hanno fatto diventare una band a prova di live e questo fa in modo che sia più facile raggiungere in giusto feeling in studio. Vertebrae è un disco molto onesto, con pochi overdub e trucchetti. E’ solo gli Enslaved che suonano gli Enslaved ed è così che dovrebbe essere.

Somberlain: Cosa ci puoi dire dei testi di Vertebrae?

Grutle: Prima di tutto il titolo rappresenta  le pietre costruttive dell’umanità, sia fiischamente che psicologicamente e biologicamente. Tutto è strettamente legato. Si può dire che il fisico sia la consapevolezza individuale, mentre la mente è la consapevolezza esterna. Micro/Macro-cosmo. Spiegato  usando con una terminologia mitologica sarebbe la lotto (ma anche l’unità) tra Aesir e Jotuns (i giganti). I testi in “Vertebrae”  riguardano in gran parte le potenzialità umane che molto spesso portano all’avidità, stupidità , pensieri ed azioni ipocrite.

Somberlain: Pensate che suonerete dal vivo per promuovere il nuovo album?Anche in Italia?

Herbrand : Abbiamo fatto un tour europeo in novembre dicembre. Questa volta anche in Italia!! Abbiamo suonato il 25 novembre a Milano ed il 26 a Bologna.

Somberlain: Gli Enslaved han cominciato suonando black-viking metal e ora avete molti più elementi progressive nel vostro sound.. quant’è importante l’evoluzione nella musica che suonano gli Enslaved?

Grutle: Devi tenere presente che abbiam cominciato 17 anni fa, e che ovviamente siamo cresciuti un sacco nel frattempo. Sarebbe stato piuttosto strano se non non fosse stato così..eheh. D’altra parte, c’è una progressione naturale in ogni cosa, e nessun album suona mai allo stesso modo del precendente. Abbiamo sempre avuto la necessità di sviluppare il nostro suono. Questa è sempre stata l’essenza degli Enslaved. Non credo che il mondo abbia bbisogno di un’altra band che suoni esattamente allo stesso modo in ogni album, e penso che i nostri fans apprezzino il cambiamento e l’evoluzione.

Somberlain: C’è qualche band giovane ed interessante ora in Norvegia?

Grutle: Date un occhio ai Krakow! Sono stati la nostra band di supporto nel tour europeo di novembre-dicembre. Amo molto il loro debut album “Far er Skikkeling”.

Somberlain: Gli Enslaved han cominciato a suonare quando i membri erano davvero giovani… cosa vi ricordate di quei tempi?

Grutle: Non molto, ero ubriaco..  Seriamente, è stato un periodo davvero eccitante della mia vita. Quando abbiamo cominciato, nel lontano 91, la scena era piuttosto piccola qui in Norvegia e c’era solo un pugno di band in giro. Ma queste band erano uniche ed originali e avevano tutte il loro stile. Mayhem, Darkthrone, immortal, Enslaved, Emperor, Mortem, Arcturus tanto per menzionare le più grandi.
Questo era prima dell’era di internet e dei cellulari, quindi le comunicazioni che avevamo con le altre band erano via lettera o attraverso visite. Viaggiavamo da Oslo e Notodden per passare una serata con gli Emperor, Darthrone e Mayhem e fino a Bergen per andare a trovare Immortal e Old Funeral. Non facevamo così tanti concerti e non c’era mai così tanta gente quando qualcuno di noi riusciva occasionalmente a fare uno spettacolo, ma avevamo lo spirito e abbiamo passato momenti eccezionali.. mi mancano davvero quei giorni!

Somberlain: L’intervista è finita. Se vi va potete dire qualsiasi cosa ai nostri lettori..

Herbrand: Godetevi “North Star Army” e speriamo di vedervi in tour! Date un occhio a www.myspace.com/enslaved per info e updates.