live in italy

02.10.2022
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Intervista Fuck The Facts
Scritto da Neni   
Venerdì 01 Ottobre 2010 11:41

Intervista Fuck The Facts

FuckTheFacts

 

Ottobre 2008
Sono una band Canadese attiva ormai da più di dieci anni..una di quelle band che, come molte nel grindcore, non ama per nulla scendere a compromessi con se stessa e con la prospria musica.
Il membro fondatore della band Topon Das ha parlato con noi, e ci ha dato modo di capire qual'è la sua visione della musica e della sua vita...

 

Neni : Ciao ragazzi!Presentati I Fuck The Facts ai nostril lettori, anche se davvero non ne avreste bisogno..

Topon: band grind/metal/sperimentale/noise ecc.. abbiamo cominciato a suonare nel 2001 e siamo di Ottawa, Canada, qualche anno prima che cominciassi con il progetto di registrazione.

Neni: Suonate dal 1999.. avete una lunga storia nella mucisa estrema. Come potete riassumere la via dei “Fuck The Facts”?

Topon: E’ davvero la parte più grande della mia vita degli ultimi 10 anni. Mia madre è un’artista visiva e io ho cominciato a suonare quando avevo 15 anni a causa di mio fratello e del mio migliore amico, quindi posso di dire d’esser sempre stato coinvolto in un processo creativo. Non penso di averci davvero pensato, ma non posso immaginare ora di non suonare. Essezialmente i Fuck The Facts sono nati perché non ero davvero così felice quando suonavo in altre band, era divertente e tutto il resto ma io avevo interessi musicali differenti da tutti quelli che conoscevo. Quindi ho formato i Fuck The Facts. Per lo più ho fatto un sacco di lo-fi grindcore con alcuni rumori stridenti, ma fin dall’inizio giocherellavo e mixavo cose, cercando sempre nuove merdate. Nel 2001, il mio amico Matt Connell aveva appena cominciato a suonare la batteria ed io gli chiesi di suonare nei nuovi FTF, e così è iniziata la vera band. Abbiamo radunato un altro paio di amici e più tardi abbiamo registrato Mullet Fever e abbiam cominciato ad esibirci dal vivo. 7 anni dopo, sono l’unico rimasto dalla lineup originale, ma la nostra cantante Mel è con noi dal 2002. E’ una continua evoluzione attraverso gli anni e sono davvero fortunato a fare ciò che faccio, viaggiando, andando i ìn tour e creando musica con persone così talentuose da trovarle ogni giorno più eccitanti.

Neni: Ho sentio il vostro nuovo album “Disgorge Mexico”. E’ davvero un disco grandioso! Non so perché ma mi ricorda i “Children of Fall” in qualche modo.. non so se conosci questa band hardcore svedese..

Topon: Grazie !! Mi spiace ma non conosco i “Children of Fall”, non mi sopno mai interessato di musica hardcore. Conosco solo un paio di vecchie band di Victory Records, ma l’unica che mi piacesse erano i Deadguy. Per il resto non so, io sono cresciuto con death metal e grindcore.

Neni: In quest’album si sentono diverse influenze musicali.. Quali sono le tue radici, parlando di musica ovviamente?

Topon: Quando ho cominciato ad interessarmi di musica, come molti, i Metallica erano il mio mondo. “And Justice For All” è l’album che mi ha fatto emozionare e mi ha spinto a suonare.Quindi ho scoperto le altre band thrash come Anthrax e Slayer, e ricorderò sempre di aver apprezzato Public Enemy e Danzig. Dopo questi mi sono buttato sul Death Metal e ho amato molto band come Malevolent Creation, Gorguts e Cannibal Corpse. Ho passato un paio di anni cercando di uscire dalla scena metal ed entrare nel mondo misterioso di Mr. Bungle e quindi solo musica dal nerd come Bela Fleck e i Flecktones, Jaco Pastorius, ecc.. Quindi ho scoperto il grindcore con i Brutal Truth e questo ha cambiato tutto, ho cominciato ad interessarmi di band come Phobia e altre band grind di Relapse Records. Questo è andato avanti e son stato rapito da band grind lo-fi come Agents of Satan e Plutocracy, e questo era quello che ascoltavo quando sono nati i FTF. Da quella volta sono tornato indietro alla musica che avevo amato, ma ora ho smesso di ascoltarla perché era limitante continuare a mescolarle, e io sono sempre alla ricerca di nuova musica che mi diverta, senza guardare troppo lo stile. Questo alla fine è stato tradotto nello scrivere per Fuck The Facts, ed è stata l’idea principale della band.

Neni: Quali sono le differenze principali tra “Disgorge Mexico” e “Stigmata High Five?

Topon: “Disgorge Mexico” è più semplice e lineare sotto molti aspetti, le chitarre lavorano in maniera semplice ad esempio. Abbiamo scritto gran parte di quel disco semplicemente in jamming, quindi non ho davvero speso delle ore sui riff, ma sono semplicemente venuti fuori sul momento e raramente li ho stravolti drasticamente. La produzione che ho trovato ora è migliore e nonostante questo sia più grindcore, è più chiaro in molti modi. E come hai detto tu abbiamo mescolato molti stili differenti in “Disgorge Mexico” alla fin. Ho letto molte diverse recensioni e molte persone hanno sentito cose dfferenti a cui non avevo nemmeno mai pensato. Mi piacciono davvero enbtrambi gli album, ma ad essere onesto penso che avremmo potuto fare “Disgorge Mexico” un pochino meglio. “Stigmata High Five” è l’album migliore che potessi fare. Penso che non avremmo dovuto correre in sala prove direttamente dopo il tour. Avremmo avuto bisogno di una piccola pausa, e sento proprio questo nel disco.

Neni: E dei testi? Da cosa traete ispirazione?

Topon: Mel scrive il 99% di essi, ed è sempre alla ricerca di diversi soggetti che possa trovare interessanti. E’ figo che lei faccia uno sforzo per non ripetersi e mi sembra che i testi in “Disgorge Mexico” siano i migliori che abbia mai scritto.

Neni: Quali sono le band che ascolti in questo momento?

Topon: Ora? Primus. Il mio IPod è nella modalità random..e ora i Suffocation. Come nuove cose direi il nuovo Misery Index, gli album dei Psyopus, Origin ecc.. per lo più band con cui siamo andati in tour. Quando non so cosa ascoltare metto l’Ipod su random ed è così ch’è ora!

Neni: E cosa puoi dirci della scena estrema in Quebec?

Topon: Già..questo fa sempre notizia. Ma la gente dovrebbe ascoltare i Mass Grave da Vancouver. Sono la migliore crust band di tutto il Canada, hanno parecchio da dire!

Neni: Essere un musicista è uno stile di vita credo. Qualche volta è il miglior lavoro del mondo, ma spesso è un grande sacrificio.. Cosa ne pensi tu?

Topon: Credo che non suonare sarebbe il più grande sacrificio. Non divento pazzo come una volta, lavorando sempre con la band. Mi piace prendermi qualche giorno di libertà senza suonare, solo rilassandomi con la mia BBQ e facendo qualcosa di nuovo, ad esempio provando ad andare con lo skateboard. Ma so che presto avrò bisogno di ricominciare a suonare e che quando ci prendiamo delle pause alla fine è straordinario tornare a provare o lavorare su nuove canzoni. Non ho mai avuto o avuto bisgono di molti soldi, la mia vita è confortevole e non mi serve di più. Quindi non ho mai pensato di tornare a scuola o di cercarmi un lavoro migliore, la mia vita è sufficientemente piacevole così com’è. Non vedo il sacrificio.

Neni: L’intervista è finita! Speriamo di vedervi presto in Italia per qualche show!

Topon: Anch'o lo spero ragazzi! Grazie del supporto!Cheers!