live in italy

02.10.2022
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Intervista Korpiklaani
Scritto da The Somberlain   
Mercoledì 27 Ottobre 2010 20:32

Intervista Korpiklaani

 

KORPIKLAANI

Tornano in Italia i Korpiklaani, assieme ad un altro gruppo di spicco nel panorama folk metal: gli Eluveitie. TheMurderInn non ha perso occasione di intervistare il gruppo finlandese. Nonostante i pochi minuti di tempo, Jarkko (bassista) si è dimostrato molto disponibile a rispondere alle nostre domande: ecco quello che ci ha detto.

 

Somberlain: Ciao, innanzitutto parliamo del vostro ultimo cd. Karkelo è uscito da un bel po’ di tempo, come è stato accolto dai vostri fans?

Jarkko: il disco è stato accolto in maniera molto diversa da fan a fan. Alcuni, soprattutto quei fans che ci seguono dagli esordi, non hanno apprezzato, soprattutto per via delle chitarre troppo presenti nel mix, e che hanno reso la produzione troppo “heavy metal” e poco folk. Altri invece hanno apprezzato, proprio per lo stesso motivo. Io in generale sono soddisfatto, perché i fans hanno recepito, nel bene e nel male, proprio quello che volevamo: discostarci un po’ dalle vecchie produzioni e mettere in primo piano le chitarre.

Somberlain: e, riguardo al futuro, avete un nuovo album in cantiere?

Jarkko: sì, il nuovo album è già stato registrato, il produttore ci sta già lavorando, anche se manca ancora una canzone. Il disco sarà pubblicato a febbraio 2011. A gennaio finiamo il tour, ci prendiamo qualche giorno di riposo a casa, registriamo ancora una canzone, una cover che inseriremo probabilmente bonus track, e sarà tutto pronto.

Somberlain: passiamo ora ad una domanda un po’ diversa; quanto è importante per voi bere nella registrazione di un disco?

Jarkko: (sorride) lasciami dire che bere e registrare un disco non sono due cose che vanno molto d’accordo assieme. Sembrerà strano, ma quando siamo in studio non beviamo; magari dopo una giornata di lavoro intenso capita che ci troviamo in compagnia a bere, ma il giorno dopo alle 7 di mattina dobbiamo assolutamente svegliarci per tornare in studio.

Somberlain: parliamo ora del tour che state intraprendendo con gli Eluveitie. Cosa pensate di questo gruppo?

Jarkko: se devo essere sincero, li seguivo di più all’inizio. Ora ho un po’ perso le loro tracce, nonostante ci stiamo facendo un tour assieme. Posso però raccontarti un aneddoto: sai, agli Eluveitie non piace molto suonare Inis Mona, la loro hit per così dire, perché si sentono obbligati a farla ogni concerto data la fama di quella canzone. Allora per far loro uno scherzo il nostro fisarmonicista l’ha imparata, e qualche giorno fa l’ha suonata al sound check. Puoi immaginarti le facce degli Eluveitie (ride)

Somberlain: siete sulle scene da parecchi anni. Quali sono i gruppi che più apprezzate all’interno del folk metal?

Jarkko: il folk metal è così vasto che sarebbe riduttivo citare solo qualche gruppo, tuttavia posso dirti che mi piacciono molto i Tyr e i Moonsorrow. Comunque sia all’interno del gruppo noi ascoltiamo qualsiasi cosa, non solo folk metal e non solo metal.

Somberlain: conosci qualche gruppo folk metal italiano?

Jarkko: no, nessuno. Ma sai, secondo me il tipo di musica che suoniamo noi non attinge molto dal folk delle vostre terre, quanto più dalla Scandinavia e, in parte, anche dalle regioni slave. Probabilmente voi siete più legati a un certo tipo di tradizione celtica, non so. Poi conosco l’esistenza di gruppi viking metal brasiliani, per cui tutto è possibile!

Somberlain: Ok, l’intervista è conclusa. Se vuoi, termina pure a tuo piacimento

Jarkko: per la verità non ho molto da dire, ma grazie per questa intervista!