live in italy

06.02.2023
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Bruce Springsteen & The E Street Band - Trieste 2012
Scritto da Pondro   
Mercoledì 13 Giugno 2012 15:59

Bruce Springsteen & The E Street Band

11-06-12 Stadio Nero Rocco (Trieste)

 

 

Partiamo dall’inizio…..
Lunedì mattina apro la mia casella di posta e cosa mi trovo?
Una bella mail da parte della sempre operativa Webmistress che mi dice che Azalea Promotion mi ha accreditato per la sera stessa per il concerto del Boss a Trieste.
Personalmente ormai ci avevo messo una pietra sopra, troppe cose da fare in questo periodo e troppo poco tempo per farle tutte.
Ma quella mail mi ha messo un tarlo nel cervello, tempo un paio d’ore decido di andare incastrando un po’ di impegni e riesco a trovare degli amici bellunesi che vanno, mi aggrego a loro e alle 15.40 si parte alla volta di Trieste.
Viaggio piacevole chiacchierando di musica e sport senza pensieri, arriviamo nella città giuliana e il traffico che si dirige verso lo stadio Nereo Rocco è consistente ma fortuna vuole che riusciamo a trovare un buco dove lasciare la macchina a meno di un chilometro dalla meta.
Ci incamminiamo verso lo stadio e mi accorgo di come l’audience questa sera sia davvero diversa da quella alla quale sono abituato di solito fatta di metallari capelloni e di nero vestiti.
Stasera ci sono tanti vecchi rocker, famiglie ed un sacco di bambini (beh direi che una lezione da Springsteen è sinonimo di garanzia per un ottima crescita).
Entriamo e ci sediamo nella tribuna antistante al palco e aspettiamo.
Alle 21.15 con un intro classicheggiante la mitica E Street Band fa il suo ingresso on stage e per ultimo entra LUI!
Esordisce con un “Mandi Trieste” e un Dobro Vece in onore dei tanti fans sloveni e croati presenti e poi subito via con Badlands per mettere le cose in chiaro fin da subito, per far capire fin dall’inizio che l’adrenalina scorrerà a fiumi e l’intensità sarà elevatissima.
Giuro che per un momento mi è quasi scesa una lacrima, perché sono anni e anni che bramavo di vedere il Boss on stage e mi rendo conto di come si stia avverando uno dei miei piccoli sogni!
Dicevamo Badlands, No Surrender, la nuova We Take Care Of Our Own, Wrecking Ball e Death To My Own Town vengono lanciate sul pubblico tutte d’un fiato, nessuna pausa nessuna esitazione solo e semplicemente Rock!
Bruce poi si ferma un attimo menzionala difficile situazione economica negli USA e in Italia e rivolge un saluto e un pensiero ai terremotati e attacca la splendida My City of Ruins cantata con un intensità senza pari e un trasporto assoluto e sul finale presenta la The E Street Band, Roy Bittan, piano, Nils Lofgren, chitarre ritmica e solista, Garry Tallent, basso, Steven Van Zandt, chitarre, Max Weinberg, battiera. A cui si aggiungono Soozie Tyrell, violino, chitarre, percussioni, Charles Giordano, organo e piano, oltre a Clark Gayton, trombone, tuba e percussione, Eddie Manion, sassofono e percussioni, Curt Ramm, tromba e percussioni, Barry Danielian, trombe e percussioni, Jake Clemons, sassofonista nipote di Big Man, e Everett Bradley, percussioni. E pure The E Street Choir formato da Curtis King, Cindy Mizelle e Michelle Moore. Toccante, il “Manca qualcuno, ma posso sentirli nelle vostre voci” con due fari che illuminano le postazioni che una volta occupavano Clarence Clemon e Danny Federici, l’applauso è infinito!
Da qui in poi è un continuo susseguirsi di canzoni, successi e sorprese con il pubblico in delirio che segue il Boss e tutta la sua truppa, una macchina perfetta che rapisce e incanta tutto il pubblico che non può far altro che cantare a squarciagola  Downbound Train, Jack of All Trades, Working On The Highway per arrivate fino a Waitin’ on a Sunny Day durante la quale il rocker americano fa salire sul palco un ragazzino a cantare il ritornello che poi incita pure la E Street Band strappando un fragoroso applauso a tutti.
L’atmosfera rallenta un po’ e si fa un po’ più intima con The River ma una Because The Night da urlo ci riporta in piano vortice Rock & Roll assieme a The Rising e alla splendida Rosalita.
Ci incamminiamo verso il gran finale e all’introduzione di Born In The Usa le fondamenta dello stadio Nereo Rocco tremano, mai in vita mia ho sentito una sensazione così forte all’attacco di un brano!
E poi via con Born To Run, altra canzone altro delirio!
Bobby Jean, Hungry Heart e Seven Nights to Rock non fanno altro che prolungare la festa che esplode definitivamente con Dancing in the Dark con il Boss che fa salire sul palco alcuni spettatori (ma chi altro lo fa?????????) a danzare con lui e con la E Street Band, ma non è finita Bruce ci regala un ultimo brano, ci regala le sue ultime energie e spara Tenth Avenue Freeze-Out.!
Cosa posso dire?
Non ho parole, è troppo difficile raccontare le emozioni che ho provato durante tutto il concerto, sono quelle cose che bisogna vivere che bisogna vedere per capirle.
Tre ore e mezza senza un attimo di tregua, senza mai annoiare , senza mai far scendere la tensione e il ritmo, e il segreto di tutto questo è il divertimento, non si spiega altrimenti come faccia a 62 anni suonati a correre a destra e a sinistra cantando in maniera impeccabile senza perdere un colpo, cosa che gente della metà degli anni non riesce nemmeno ad immaginare.
Passione, sudore e rispetto per i fans tutto questo e Bruce Springsteen, dopo averlo visto posso dire di aver capito perché lui è semplicemente THE BOSS!

 

Set list :

Badlands
No Surrender
We Take Care Of Our Own
Wrecking Ball
Death To My Own Town
My City of Ruins
Spirit In The Night
Downbound Train
Jack of All Trades
Youngstown
Murder Incorporated
Johnny 99
Working On The Highway
Shackled and Drawn
Waitin’ on a Sunny Day
Apollo Medley
The River
Because The Night
The Rising
We Are Alive
Thunder Road
Rosalita

Born in the USA
Born to Run
Bobby Jean
Hungry Heart
Seven Nights to Rock (Moon Mullican cover)
Dancing in the Dark
Tenth Avenue Freeze-Ou