live in italy

16.04.2024
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione Marduk - Iron Dawn (MCD)
Scritto da Stefano   
Venerdì 13 Maggio 2011 07:30

MARDUK – IRON DAWN (Regain Records – 2011)

La cover art bellica, brani dal titolo guerrafondaio, che la Panzer Division Marduk sia ritornata al fronte? Non mi resta che ascoltare...
Rispetto al più “atmosferico” e catartico Wormwood, Iron Dawn ripaga l'ascoltare con l'assalto all'arma bianca, spingendo a fondo l'acceleratore fin dalle prime battute (di doppia cassa).
Se in Warschau II – Headhunter Halfmoon vengono mischiate le poderose partiture di Plague Angel con la blasfema violenza di Panzer... formando un brano velocissimo, ferale e vagamente anthemico nel suo chorus, Wacht Am Rhein Drumbeats Of Death ha un songwriting maturo e mercuriale, fondato su un veloce black svedese scarnificato e metallico e sventrato da improvvisi break su cui si stagliano le vocals di Mortuus.
Chiude Iron Dawn la canzone più lenta del terzetto, Prochorovka – Blood And Sunflowers, riportando in auge la vena più atmosferica e apocalittica dei Marduk. L'oscuro mid-tempo egualmente avvolgente e slabbrato, percorso da un riffing ipnotico e ripetitivo, è un maglio che colpisce sensorialmente, grazie (soprattutto) al lavoro di Mortuus, ieratico ed oscenamente malvagio nel suo roco screaming.

P.S: non fatevi illusioni, i Marduk hanno già affermato che questi tre brani sono totalmente slegati dal concept su cui si fonda il prossimo disco. 

VOTO: 7,5/10

website: www.marduk.nu

Line up:
Mortuus – voce
Evil – chitarra
Devo – basso
Lars Broddesson - batteria

Tracklist:
Warschau II – Headhunter Halfmoon
Wacht Am Rhein Drumbeats of Death
Prochorovka – Blood And Sunflowers