live in italy

06.10.2022
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione Alabama Thunderpussy - Open Fire
Scritto da Stefano   
Giovedì 12 Agosto 2010 12:36

Alabama Thunderpussy - Open Fire (Relapse Records 2006)

 

AlabamaThunderpussy-OpenFire

Altro cambio di formazione per gli Alabama Thunderpussy, via bassista e cantante (il buon Johnny Weils di "Fulton Hill") e dentro un nuovo motore ritmico e Kyle Thomas (ex-Exhorder) alla voce. Risultato è "Open Fire" che, detta papale papale, ha una cover che è estremamente Manowar-iana nel più pacchiano senso del termine. Ma la cover non fa il disco, perciò veniamo a noi e alla prova musicale. La rotta degli ATP cambia leggermente, suoni puliti (meno ruspanti e più lucidi, pur mantenendo una certa sporcizia), linee vocali decisamente diverse (più acuti e meno rauchi rantoli, questo potrebbe stupire i fan dei Nostri).
Se proprio si può arrivare a tanto, si sente una maggiore propensione per un hard-rock anni '80 (si senta, per esempio, una "Word of the Dying Man") che per il classico miscuglio sludge southern a cui ci avevano abituato il gruppo della Virginia.
Il disco scorre bene con buoni episodi (Void of Harmony; The Beggar, con quella ruvidità che fa tanto Alabama Thunderpussy e un chorus convincente; A Dreamer's Fortune, Greed) che si alternano a brani meno convincenti (o meno ispirati, la title-track per esempio).
Nonostante la pulizia sonora convinca un pò meno, la propensione per buoni riff è tutt'ora presente e la prestazione di Kyle Thomas alla voce è tutt'altro da disdegnare.
Se la formazione rimane questa anche per il prossimo disco, potremmo vedere la vera linea evolutiva degli ATP, per il momento segnaliamo soltanto un disco particolare, con reminescenze e sonorità diverse dal classico sound. Vediamo la strada che intenderanno prendere.

GIUDIZIO:
Ho dovuto ascoltare questo disco più volte di quante credessi necessarie per recensirlo. Alla prima occasione mi ha un pò lasciato con l'amaro in bocca, poi mi ha eccitato e infine sono riuscito a vedere chiaro il disegno di fondo del disco.
Meno southern-sludge e più hard-rock anni '80 ed è in base a questo che bisogna valutarlo. E perciò si può affermare che è un disco più che discreto.

7/10

Web:
Sito ufficiale: www.atprva.com

Lineup:
Kyle Thomas- vocals
Erik Larson - Ryan Lake- Guitars
John Peters - Bass
Bryan Cox- Drums

Tracklist:
1. The Cleansing
2. Void of Harmony
3. Words of the dying man
4. The beggar
5. None shall return
6. Whiskey war
7. A dreamer's fortune
8. Valor
9. Open fire
10. Brave the rain
11. Greed