live in italy

02.10.2022
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione Alice Cooper - Along Came The Spider
Scritto da Girli   
Giovedì 12 Agosto 2010 12:38

Alice Cooper - Along Came The Spider (SPV 2007)

 

AliceCooper-AlongCameTheSpiderCredevo fosse cosa facile ma invece mi devo ricredere. Recensire il signor Vincent Furnier, meglio noto a me e voi come Alice Cooper, non è cosa da poco.
Di questo personaggio, i cui spettacoli grandguignoleschi hanno scioccato e divertito generazioni di rockers, ci sarebbero veramente tante cose da dire.
Nel 1975 nessuno sarebbe stato capace di dare alla luce un’opera come ‘Welcome To My Nightmare’ utilizzando certe tematiche senza cadere nel banale, creando atmosfere da film horror a ritmo di puro Rock’n Roll.
Nel 2008 il buon Alice ci riprova utilizzando la sua voce, a tratti malefica ed a tratti calda, per condurci nella mente di Spider, un serial killer aracnofobico che vuole combattere la sua paura in un modo assai originale: il suo obiettivo consiste nell’uccidere otto persone, mutilarle di una gamba ed avvolgere i loro resti nella seta, in modo tale da creare un ragno che non possa fargli ribrezzo. Tutto questo però verrà scoperto dalla polizia alla fine del disco, in ‘I Am The Spider/Epilogue’, dopo che avrà trovato il suo diario.
Il viaggio all’interno di questo incubo è sapientemente guidato da Alice tramite i testi delle sue canzoni, carichi dello humor nero a cui ci ha abituati, e dalla sua touring band composta da Keri Kelli e Jason Hook alle chitarre, Chuck Garric al basso e Eric Singer alla batteria, attualmente impegnato anche nei Kiss.
Il lavoro presenta una struttura essenziale che si basa sulla semplicità, i riff risultano secchi ma allo stesso tempo melodici. Le tracks risultano piacevoli anche se a tratti possono sembrare scontate.
Da segnalare ‘Catch Me If You Can’ per l’orecchiabilita, ‘Vengeance Is Mine’ per  la durezza delle chitarre e per la presenza di Slash nei solos, e  la ballad capolavoro ‘Salvation’ per l’atmosfera creata dalla voce di Alice.
Nota negativa sicuramente ‘Your Feminine Side’, una track a mio parere inutile nella sua struttura all’interno di un album come questo.
Per concludere possiamo dire che l’album si lascia ascoltare ma che è più interessante per il concept trattato che per la struttura musicale; anche se mi permetto di lanciare un sasso a favore del buon Alice dicendo che questo album diventa più piacevole regalandogli più ascolti.

6,5/10

Website: www.alicecooper.com

Lineup:
Alice Cooper: Vocals
Keri Kelli: Guitars
Jason Hook: Guitars
Chuck Garric: Bass
Eric Singer: Drums

Tracklist:
1. Prologue/I Know Where You Live
2. Vengeance Is Mine
3. Wake The Dead
4. Catch Me If You Can
5. (In Touch With) Your Femenine Side
6. Wrapped In Silk
7. Killed By Love
8. I’m Hungry
9. The One That Got Away
10. Salvation
11. I Am The Spider/Epilogue