live in italy

26.11.2022
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione The Rain I Bleed – Narcissist
Scritto da BloodyMarha   
Domenica 21 Agosto 2011 08:50

The Rain I Bleed – Narcissist (2011 – Twilight Zone Records)

Di provenienza greca, i symphonic metallers The Rain I Bleed, debuttano con il loro primo lavoro in studio “Narcissist”.
Notevole e notabile il lavoro di produzione; tanto lo sforzo di non imitare il nome più altisonante da accostare al genere che la band si prefigge di eseguire, i Nightwish.
Un’opera prima la loro, sicuramente che non passa inosservata per le svariate collaborazioni (da Jonas Kjellgren, chitarrista degli Scar Symmetry; responsabile del mixaggio; a Niklas Sundin chitarra dei Dark Tranquillity che si è occupato della cover art; ed infine a Jeff Loomis (ex Nevermore) guest-guitarist.
Ed è proprio l’opener “The Utter Me” che ospita le dita selvagge di quest’ultimo, il quale non si risparmia e tormenta la sua chitarra senza mezzi termini. Di fatto Loomis da sfoggio ad un brano che già di per sé, si reggeva discretamente in piedi (probabilmente l’unico davvero completo di tutto l’album). Di “nightwishiana” memoria, “Eternally”, con le sue atmosfere fiabeggianti appoggiate alle tastiere, e sorrette dalla voce di Mina, cantante a sorpresa non lirica, ma che, a mio avviso, sfrutta poco le sue capacità vocali.
A “colorare” la musica dei TRIB, ci pensano gli accorgimenti elettronici; seppur senza occupare un posto così fondamentale.
In realtà è difficile capire “Narcissist”, da un lato ha tutte le carte in regola per essere un disco buono (attenzione, buono, non capovaloro…), dall’altra sembra patire la mancanza di accorgimenti più significativi, scadendo per così dire nell’effetto tracce fotocopia.
Tuttavia è altrettanto difficile capire cosa realmente manchi al gruppo, per dirla in termini culinari, mancano oltre al sale diverse spezie, anche se il piatto tutto sommato resta commestibile.
Il voto (per quanto, se c’è una cosa che ho imparato è che la musica va ascoltata, non votata) è una risultante dei due aspetti che collidono, e una considerazione sul fatto che questa è la loro prima prova, ed è giusto che abbiamo tempo e modo per farsi le ossa.


Voto: 7

Website: www.myspace.com/therainibleed

Line-up:

Mina - voce
Nodas – chitarra
Stelios – basso
Spyros – chitarra
Simos – batteria

Tracklist:

1. The Utter Me
2. The Day After Tomorrow
3. Nocturne
4. Eternally
5. The Rain Into My Eyes
6. Tearful Eyes
7. The Water Turns To Ice
8. Nightmares
9. Lullaby