live in italy

06.10.2022
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione Alaric - Alaric
Scritto da BloodyMarha   
Sabato 05 Novembre 2011 13:22

Alaric – Alaric (2011 - 20 Buck Spin)

È un debutto quello degli Alaric con il loro omonimo full-lenght. Californiani, evidentemente poco avvezzi al sole e alle spiagge, si gettano a capofitto in un lavoro di recupero artistico, di atmosfere punkeggianti nella produzione e gothic-dark nell’esecuzione.
A creare l’aura maledetta intorno alla band, la scarsità di informazioni circa la storia del gruppo, tutto ciò che ci è concesso sapere è che i musicisti non sono degli emeriti sconosciuti, bensì hanno militato negli UK Subs (Jason il batterista), nei Dead And Gone (il cantante Shane) ed infine i NoothGrush (del chitarrista Rush “Mr. Hate”).
Il pattern musicale, fondamentalmente finisce per ripetersi senza creare un vero e proprio highlight, e rincorrendo piuttosto un’idea standardizzata della band. Tuttavia, i brani e l’appeal degli Alaric risultano convincenti e finiscono prima o poi per farti dimenticare anche solo per un momento la sensazione che aleggia per tutto il disco, che gli Alaric siano dei grandi attori. E già perché per essere bravi, ci si deve calare fino in fondo in un personaggio e crederci all’infinito.
Ora vi chiederete cos’è che mi ha portato a questa insolita conclusione: la prima è l’uso retrò dell’elettronica, distorsioni, riverberi old school, creano un ritorno al passato (quanto meno auspicato) che a tratti piace e a momenti sembra quasi una mancanza di elementi personali.
Nonostante io abbia appena detto che non esiste un brano che emerge sugli altri ce ne è uno che almeno nelle intenzioni sembra attirare l’attenzione, ed è “Your God”, brano quanto meno teatrale, con rintocchi di campane e messaggio subliminale correlato (“Ave Satanas” ).
La conclusione è dura, seriamente, non capisco se gli Alaric abbiano fatto un buon disco o se semplicemente sono riusciti a prendere elementi del passato e li abbiano mixati per confezionare qualcosa che senza mezzi termini attira l’attenzione. In altre parole, ci stanno dentro, o ci hanno coglionato alla grande???
Il dubbio resta, nell’indecisione, promuovo il lavoro che sicuramente ha una buona marcia, e per tutto il resto, il tempo parlerà.


Voto: 7

Website: http://www.myspace.com/alaricalaric

Line-up:

Shane - voce
Russ – chitarre
Rick – basso
Jason – batteria

Tracklist:

1. Eyes
2. Ugly Crowds
3. Your God
4. Alone
5. Tribute
6. Laughter of the Crows
7. Animal
8. Shadow of Life