live in italy

16.04.2024
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione Manowar - The Lord Of Steel
Scritto da Somberlain   
Lunedì 23 Luglio 2012 09:59

MANOWAR – THE LORD OF STEEL

(Magic Circle Music – 2012)

Recensire un disco dei Kings of Metal non è mai uno scherzo. Da una parte c’è il rischio di apparire strenui difensori della fede osannandoli troppo, dall’altra di essere esageratamente crudeli denunciando la palese comicità di alcuni dei loro più grandi difetti. Cerchiamo di essere il più possibile obiettivi, dunque, e di entrare nella logica di “The Lord of Steel”.

Tralasciando il fatto che sono 5 anni che migliaia di fans da tutto il mondo aspettano il nuovo “capolavoro” firmato Manowar, e che il precedente “Gods Of War” non era stato nulla di esaltante, quello che ci troviamo questa volta tra le mani probabilmente, diciamolo da subito, non vale i soldi spesi per acquistarlo. Vediamo di capirne il perché.

Il songwriting è quello che è, conoscendo i Manowar: riff quadrati, semplici, strofe battagliere e ritornelli accattivanti (molto meno del solito,  ma sono gusti). Qualche spunto qua e là non manca, ma i tempi delle canzoni memorabili e dei cd ispirati sembrano ormai un lontano ricordo.

I suoni non sarebbero così malvagi se non fosse che troppo spesso esce un fastidiosissimo rumore di bassi esageratamente predominanti all’interno del mix e le chitarre sparissero in questi frangenti nel più remoto degli anfratti di cui è costituita una cassa audio. In più di un frangente poi Eric Adams sembra non essere più a proprio agio dietro a un microfono.

Il risultato quindi è un disco con contenuti abbastanza scarsi (per non parlare dei testi, tra tutti quello veramente imbarazzante di Hail Kill and Die), e penalizzato da una scelta di suoni molto discutibile.

Certo, sappiamo tutti che a chi non manca la fede nei Manowar questo cd magari piacerà anche, o se lo faranno piacere, ma il nostro dovere è mettere in guardia il lettore da possibili sprechi di soldi inutili. Ebbene, a meno che non siate dei Manowarriors convinti, per dirla citando uno dei nuovi fantasiosi titoli del quartetto, evitatelo.

Voto: 4,5

Tracklist:

1.Lord Of Steel
2.Manowarriors
3.Born in a Grave
4.Righteous Glory
5.Touch the Sky
6.Black List
7.Expendable
8.El Gringo
9.Annihilation
10.Hail Kill and Die

Line Up:

Eric Adams: Voce
Karl Logan: Chitarre
Joey de Maio: Basso
Donnie Hamzik: Batteria

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Luglio 2012 10:02