live in italy

06.02.2023
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione Woods of Ypres - Woods 5: Grey Skies & Electric Light
Scritto da Stefano   
Domenica 20 Gennaio 2013 16:56

Woods of Ypres - Woods 5: Grey Skies & Electric Light (Earache - 2012)


Sono realmente affranto dal non essere riuscito a dare a questa band il necessario tributo prima di apprendere della sua traumatica fine. I Woods Of Ypres meritavano (e meritano) più visibilità. Licenziati dalla lungimirante Earache (ai 25 anni di gloriosissima attività), questi canadesi sparano un doom-black melodico dai tratti estremamente malinconici. Le composizioni, nonostante la parola doom nel genere suonato, raramente superano i 5 minuti di lunghezza [tranne Modern Life Architecture e Kiss My Ashes (Goodbye)] e riescono ad esprimere tutto nel tempo concesso. Non ci sono lungaggini o momenti in cui la canzone è "tirata per le lunghe". 
Capitanati dal carisma di David Gold (RIP), screamer di buona fattura e baritono dai tratti a la Pete Steele, i Woods of Ypres imprimono su disco la desolazione della loro terra ed uno stato emotivo tendente alla depressione. 
Le prime canzoni sfruttano molto la contrapposizione scream/baritono, senza strafare, ponendo l'accento, però, sul percorso melodico che contraddistingue il disco. Un pochino doom inglese, un pò melodic-black ad ampio respiro. 
La tracklist vede imprimersi nella memoria, soprattutto a posteriori, la drammaticità e fragilità di Finality (con il piano come strumento guida). Delicatamente oscura, portata nel buio da Gold in pieno spolvero come crooner. Ma non è l'unica canzone che salta all'orecchio: Travelling Alone si apre con l'elettrica ed è immediatamente un pieno d'emozioni per l'anima; la splendida Silver è un altro gioiello della corona di questo album. Il riff iniziale vi rimarrà incollato nella testa, così come la linea vocale (leggetevi il testo, oscuro romanticismo e profonda disillusione). 
Woods 5 si chiude con Alternate Ending. 
Vorremmo così, ma sinceramente la fine è stata una e, dei Woods of Ypres, questo disco è il testamento finale. 
Complimenti postumi. 

Voto: 9/10

Lineup:
David Gold - guitars, vocals, drums
Joe Violette - guitars, bass, piano

Tracklist:
Lightning & Snow
Death Is Not An Exit
Keeper Of The Ledger
Travelling Alone
Adora Vivos
Silver
Career Suicide (Is Not Real Suicide)
Modern Life Architecture
Kiss My Ashes (Goodbye)
Finality
Alternate Ending

Ultimo aggiornamento Giovedì 24 Gennaio 2013 15:15