live in italy

20.09.2017
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
In Flames - The Jester Race (20 anni dopo)
Scritto da Stefano   
Venerdì 27 Maggio 2016 08:27

Articolo scritto da SKAN e Stefano e apparso su: https://themurderinn.wordpress.com/2016/04/05/artifacts-of-the-black-rain-in-flames-20-anni-dopo/

A sentire quello che fanno adesso, sembrano passati molto più di vent’anni.
Vi giuro, non me lo ricordavo che ci fossero due decadi a separarci dal penultimo, enorme, disco degli In Flames (oh, a me, Whoracle, piace, c’è anche chi lo trova troppo catchy). Senti The Jester Race e ti sale una rogna incredibile a vedere che merdazza hanno tirato fuori dopo (Whoracle a parte, sia chiaro). Canzoni indistinguibili una dall’altra ma, soprattutto, prescindibilissime. Nessuna che possa ambire al ruolo di vessillo della band, da carta d’identità degli svedesi.
Vi ho già raccontato del concerto, terribile, dei Sepultura… non vi avevo detto che c’erano gli In Flames come headliner. Questo solo per farvi capire come gira la ruota della fortuna. Comunque sia, dopo essermi frattura la minchia ad ascoltare la versione più spompa possibile dei brasiliani, ecco che arrivano sul palco gli svedesi. Ho incrociato le dita per tutto il viaggio affinché il concerto fosse quelli “nostalgia” o, almeno, “best of”. Persino quando hanno iniziato a tirar fuori dal cilindro i pezzi nuovi sono rimasto speranzoso, da testone quale sono, di avere un proseguo tutto incentrato sul vecchiume della band.
Serve che aggiungo altro o vi basta il tono miserevole di questo ricordo per farvi capire come proseguì quel dannato concerto? Capisco tutto, ma se hai nel repertorio canzoni come Moonshield, Lord Hypnos, Artifacts Of The Black Rain… (ma, dai, tutto il disco è ottimo), perché cazzo vai a suonare brani da quelle due mezze aberrazioni di Soundtrack o Reroute??
Lo so, dovevo parlarvi di The Jester Race. Lo so, lo so. Ma cazzo, The Jester Race è il PRIMO disco da procurarsi degli In Flames (in qualche modo, giuro… scaricatelo anche, ma tenetevelo la) e se non l’avete mai sentito, o voi che leggete questo blog, almeno fatemi la cortesia di mettervelo in cuffia su YouTube ADESSO. Non dopo, ADESSO.

[Stefano]

Quando uscì, questa era la nuova cosa: giovani svedesi che mischiavano il death metal (svedese of course) con gli Iron Maiden.
E com’era? All’inizio era stupendo, con dischi come questo: melodici ma potenti, con momenti malinconici suonati da dio e ispiratissimi. Una musica da ascoltare quasi in solitaria per assaporare tutte le sfumature. Questo disco, all’epoca, l’ho consumato.
Poi anche questo genere divenne la moda, moltissime uscite di gruppi tutti uguali e inutili (chi ha detto Soilwork??) e i capostipiti , tipo gli In Flames se ne androno via per altre strade (brutte strade, tanto brutte).
Ma questo disco rimane. Ascoltatelo, e ditemi che non asfalta la maggior parte delle uscite di cosidetto death melodico degli ultimi 20 anni? Una sola Moonshield asfalta intere discografie.
Poi qualcuno mi spieghi perche gli In Flames non suonano più canzoni da questo album o da Whoracle dal vivo? Cioè, hai l’Audi top-accessoriata in garage e giri con la Tipo scassata? Misteri….

[Skan]