live in italy

02.10.2022
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione Black Sun Aeon - Darkness Walks Beside Me
Scritto da Bloody Marha   
Mercoledì 11 Agosto 2010 14:45

Black Sun Aeon - Darkness Walks Beside Me (Stey Heavy Records 2009)

 

BlackSunAeon-DarknessWalksBesidesMeDi recentissima formazione (2008), con una side band come i Before The Dawn; è così che si pone il duo Black Sun Aeon. Un esperimento molto influenzato dai succitati per genere ed ispirazione ma tendenzialmente più ricco di sfumature melodiche-strappalacrime. Molto spazio lasciato alle tastiere che, contribuiscono ad incrementare un’aura di goth-doom intorno al disco. Curiosa nella scelta della tracklist, il fatto che tutte le canzoni siano identificate come “A song for…” (una canzone per…) e da qui si diramano tematiche di collera, perdita, dolore e quanto altro. Nulla di sconcertante se legato ad una sorta di concepì, peccato che la tendenza alla ripetizione, si permei anche nel susseguirsi delle canzoni suonate. La partenza è buona, correlata da un’ottima intro, di pianoforte e malinconia a palate, e a seguire “A song for my wrath”, un misto di death e doom su climi gotici. La voce si alterna tra un growl roco e trascinato ed una voce melodica che si rifà (o almeno ci prova nelle parti recitate) alla tradizione dei My Dying Bride. Man mano che i pezzi scorrono ci si accorge della ripetitività delle strutture (in alcuni c’è l’attacco delle chitarre diretto, in altri invece, viene eseguito un piccolo intro più melodico, che esplode in riff che cominciano ad appassire). Certo il sound non è complesso e si lascia ascoltare senza troppi problemi, ma con il rischio di annoiare un po’ specialmente in alcuni punti. Per fortuna “A song for my winter” si presenta leggermente più articolata delle altre e riesce così a riconquistare l’attenzione sull’album. “A song for my illness”, credo sia l’unico brano che i deathsters potrebbero apprezzare, l’accento infatti è posto più sul tecnicismo e sullo screaming della voce piuttosto che sullo sfondo darkeggiante. E proprio su questo va detto che il target del cd è rivolto più che altro ad appassionati di gothic e doom (anche se la parola doom qui va presa un attimo con le pinze), in piccola parte potrebbe anche interessare agli amanti del death melodico chiaro, ma non abbiate grosse aspettative. In conclusione la band si pone bene, ha idee chiare sul mix di generi che propone; purtroppo l’ostacolo che devono superare è la tendenza a ripetersi.

7-/10

Web: www.blacksunaeon.com/index2.html
Lineup:

Tuomas Saukkonen – chitarre, batteria, basso, tastiere, voce growl
Mikko Heikkilä – voce pulita

Tracklist:
1. Chapter 1: A Song for the Introduction
2. Chapter 2: A Song for My Wrath
3. Chapter 3: A Song for My Demise
4. Chapter 4: A Song for My Sorrow
5. Chapter 5: Song for My Weakness
6. Chapter 6: A Song for This Winter
7. Chapter 7: A Song for My Illness
8. Chapter 8: A Song for My Funeral
9. Chapter 9: A Song for the One Who Passed Away 4.9.2008