live in italy

21.02.2017
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione Dynabyte - 2KX
Scritto da Bloody Marha   
Mercoledì 10 Novembre 2010 13:30

Dynabyte - 2KX ( Autoprodotto 2010 )

 

Dynabyte-2KX

Era il 2004 quando i Dynabyte rilasciavano il loro primo full-lenght “Extreme mental piercing”. Dopo sei anni;  in cui 2/3 della band (Cadaveria, e John “Killer Bob”) sono stati impegnati nella gestione dei CADAVERIA; i tre metallers tornano a frantumarci le orecchie a suon di metallo e synths.
Ciò che rende “2KX” (ovvero 2010, nel gergo urbano) qualcosa di assolutamente a passo con i tempi, è il supporto sul quale la band stessa ha scelto di produrlo: una chiavetta da 1 Gb. Inserendo la chiavetta nel pc, è possibile accedere a diverse aree. Partiamo dalla cartella “AUDIO”, dove troviamo dodici tracce in alta qualità sia in formato wav, che in mp3 (così potete decidere di bruciare un cd scrivibile o semplicemente caricarle sul lettore mp3).
Lo stile è quello consueto dei Dynabyte, la componente umana che si fonde a suoni elettronici, distorsioni etc. E’ così che si apre l’opener “Equilibrium” sostenuta da un lavoro di chitarre/basso e trascinata dalla voce pulita di Cadaveria, fino a sconfinare tra il groove del sintetizzatore e il growl consueto della cantante. Si nota immediatamente una maturazione artistica rispetto a questo progetto, merito probabilmente di esperienze formative come l’ultimo CADAVERIA e un lavoro di introspezione per arrivare a capire a fondo cosa vogliono i Dynabyte. Procediamo a “Hereditary Neuronavigation”, inquietante alternanza di cantato ed esecuzione, che strizzano l’occhio ad un gotico-elettronico eccellente. Da citare il brano “Artmix” (titolo anagrammato per “Matrix”, celebre film, da cui è tratto il testo), ritmo serrato e metallico, che sfocia in momenti melodici; gli stessi che per altro dominano buona parte di “The Mummy”, scelta come singolo da regalare ai fans fedeli, iscritti alla mailing list della band. A chiudere un brano insolito per le corde di Cadaveria e compagni, “Blinded By My Light” , grazie al tono evocativo e quasi mistico, eppure estremamente gradevole ed elaborato.
Ad oggi i Dynabyte dimostrano di essere un gruppo che convince, composto da persone che artisticamente hanno una formazione fatta e finita, ma che hanno la volontà di esplorare, di andare oltre i propri limiti mentali e musicali. “2KX” è un passo avanti, sia a livello di qualità che di contenuto musicale; le strutture progressive nei brani non annoiano (plauso al gran lavoro di composizione di LJ Dusk), e la voce di Cadaveria è ad uno dei più alti livelli della sua carriera.
Le altre sezioni che si trovano nella chiavetta sono la “MULTIMEDIA”, che contiene il booklet, curato da Miss Cadaveria, nel quale è possibile vedere immagini, leggere le lyric e ascoltare la musica (vi consiglio di ascoltare l’album sfruttando la funzione del booklet interattivo). In ultimo la “SPECIAL BONUS” dove è possibile trovare foto, sfondi e file pdf di lyrics e biografia.

8/10


Web:
www.dynabyte.it

Line-up:
Cadaveria: voce
LJ Dusk: chitarre, programming
John: basso, programming

Tracklist:
1. Equilibrium
2. F.T.L.
3. Normal
4. Hereditary Neuronavigation
5. Cold Wind Of Fear
6. Artmix
7. Speed
8. The Mummy
9. I’m Not Scared
10. Stones
11. Wave
12. Blinded By My Light

Ultimo aggiornamento Mercoledì 10 Novembre 2010 13:50