live in italy

06.02.2023
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione Volbeat - Beyond Hell/Above Heaven
Scritto da Stefano   
Sabato 19 Febbraio 2011 14:39

VOLBEAT – BEYOND HELL/ABOVE HEAVEN (Vertigo/Universal - 2010)

 

C'è ben poco da girarci intorno, i Volbeat da qualche anno a questa parte sono una delle “nuove” leve del metal e stanno portando una ventata di freschezza inaspettata. Il precedente Guitar Gangsters & Cadillac Blood è stato un piccolo “caso” e adesso la prova che attende i danesi è ardua.
Beyond Hell/Above Heaven risente di questo confronto non avendo l'esuberanza melodico-innodica del precedente e mancando, spesso, del riff portante/linea vocale che ti prendono e non ti lasciano più. La non volontà di creare un bis del precedente disco fa crescere la band e la pone di fronte ad alcune difficili sfide compositive (non sempre vinte, vedasi le deboli A Warrior's Call, Fallen o l'inascoltabile Evelyn); ma quando i pezzi combaciano la spinta verso iniezioni thrash meno subdole e l'aver arricchito il tutto con qualche finezza (l'armonica di Heaven Nor Hell o l'arditissimo mix Volbeat con l'animalesco Petrozza di 7 Shots e i richiami ai Dropkick Murphys di Thanks) producono brani immediati e dal piglio vivace. Non pensate, però, di trovarvi di fronte a rivoluzioni russe: il trademark è quello rodato proveniente da GG&CB (lustratevi le orecchie con A Better Believer o tirate fuori la brillantina ascoltando 16 Dollars), come anche il fatto che il vero asso nella formazione danese è Mr. Poulsen e il mix Social Distortion+metal è materia ben conosciuta ed acquisita.
Beyond Hell/Above Hell è un disco coraggioso ma non pienamente riuscito: avessero eliminato qualche traccia, ci troveremmo a parlare di un disco sicuramente più godibile (arrivare in fondo non è così semplice come con GG&CB) e di un voto qualche punto più alto.

VOTO: 6,5/10

website: www.volbeat.dk

Lineup:
Michael Poulsen - voce, chitarra
Thomas Bredhal - chitarra
Anders Kjolholm - basso
Jon Larsen - batteria

Tracklist:
The Mirror and The Reaper
Heaven Nor Hell
Who They Are
Fallen
A Better Believer
7 Shots (feat. Mille Petrozza of Kreator)
A New Day
16 Days
A Warrior's Call
Magic Zone
Evelyn (feat. Mark "Barney" Greenway of Napalm Death)
Being 1
Thanks

Ultimo aggiornamento Martedì 05 Febbraio 2013 21:48