live in italy

23.10.2017
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Recensione Pantera - Official Live: 101 Proof
Scritto da Stefano   
Giovedì 27 Luglio 2017 14:38

Pantera - Official Live: 101 Proof

 

101800

Come fai a non amare questo live?!
Dimmelo, forza. Parlo con te che mi guardi con lo sguardo bovino.
Nel 1997 i Pantera sono una supercorazzata nel mondo metal. Cazzuti come uno dei Klitschko ed espressioni massime del motto “a cazzo duro senza futuro“, la band di Dallas (più New Orleans) sgrana, fra un’overdose quasi mortale e una serie di live, questa testimonianza che sbrana la concorrenza.
Un best of fatto in versione live questo Official Live: 101 Proof. Brani da Cowboys From Hell, da Vulgar Display Of Power, da Far Beyond Driven e anche da quello che, per molti, è un album duro da digerire: The Great Southern Trendkill (io lo adoro come disco, ha il malessere e il dolore dentro). Il trittico Sandblasted Skin, Suicide Note Pt.2 e War Nerve suona cattivo e violento come, e forse più, della versione su disco: penso a causa della registrazione live che ne limita stratificazioni, effetti da studio e cazzi e mazzi e restituisce sul palco brani di impatto e groove.
Prendersi questo disco significa entrare a spallate sulla fine degli anni ’90, quando il metal incominciava ad andare in agonia da groove metal, nu metal e merda varia e prendersi una bella boccata d’aria fresca dalla frittura mista di schifezze che escono in questo momento storico sfigato (a parte qualche valida eccezione, sia chiaro). Il tutto, vorrei sottolinearlo, senza doversi sorbire minuti di discorsi inutili di un fattissimo Phil Anselmo che, non avendone abbastanza di cantare sui palchi di mezzo mondo, si reinventa anche predicatore della ceppa dorata e ammorba i concerti con cazzate cosmiche che passano dal razzismo al metal con la facilità con cui io mi cambio le mutande al mattino.

Ma non vorrei rivangare cose passate, se pensate che il buon Filippone si sia scoperto un redneck ignorante, alcolista e fattone solo all’alba del 2016, forse è meglio se continuate ad ascoltare l’ultimo degli In Flames – ve lo meritate ampiamente.

Official Live: 101 Proof è un cazzo di disco che mi esalta ogni volta, tanto che è uno dei pochi selezionati che mi porto sempre e comunque in macchina. Lo ascolto meno di prima, ma saperlo nella chiavetta mi rende una persona meglio.
E lo sappiamo bene quanto brutte siano le persone che non ascoltano i Pantera.

Ultimo aggiornamento Giovedì 27 Luglio 2017 14:45