live in italy

06.02.2023
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Candlemass - Gorizia 2014
Scritto da Girli   
Martedì 12 Agosto 2014 08:57

CANDLEMASS

HEADLESS (feat. Göran Edman) + FAKE IDOLS + DAMNED PILOTS + VINOLIA

Ciaoluca Festival 2014 – Gradisca d’Isonzo (GO), 02/08/2014

 


Anche per quest’anno, come per le passate edizioni, ci ritroviamo nuovamente nella suggestiva cornice del parco del Castello di Gradisca d’Isonzo (GO) per l’edizione 2014 del Ciaoluca Festival, consueto appuntamento organizzato dall’Associazione Giovanile Totem in ricordo di Luca Zorzenon, un amico prematuramente scomparso nel 2001 e mai dimenticato per il suo forte  impegno nel volontariato. Per questa edizione due giornate imperdibili:  la prima vanta come ospiti i Rezophonic, il supergruppo nato a scopi umanitari per volontà del batterista Mario Riso; la seconda invece è un appuntamento da leccarsi i baffi per gli appassionati di metal. Gli svedesi epic doom metallers Candlemass approdano in terra friulana per un’unica data italiana e questo festival si presta ad essere la situazione ideale per dar loro il giusto supporto.

In questa seconda giornata, le valanghe d’acqua dei giorni scorsi lasciano spazio ad una stupenda giornata di sole ed il parco del Castello è popolato di metal kids, accorsi da ogni parte d’Italia e dalla vicina Slovenia. La birra scorre a fiumi e l’atmosfera che si respira è veramente piacevole. A scaldare gli animi in attesa degli headliner, ci pensano in ordine: i Vinolia, noise rocker triestini noti per essere stati primi finalisti al Ciaoluca Contest, i post nuclear stone glamster triestini Damned Pilots, i friulani Fake Idols, super gruppo composto da ex componenti di Slowmation Apocalypse, Raintime, Jar Of Bones e per concludere gli Headless, con alla voce il singer svedese Göran Edman (conosciuto per essere stato la voce solista per artisti quali Yngwie Malmstenn  e John Norum). Purtroppo giungiamo in loco solamente per ascoltare le ultime battute dello show degli Headless ma il pubblico sembra rispondere positivamente alla proposta della band; lo stesso Göran è a suo agio, ringrazia, dialoga e sembra essere in sintonia con i presenti.

Cambio di palco, sullo sfondo viene issato il drappo nero con il logo della band, l’oscurità inizia ad avvolgerci ed accolti da un boato i Candlemass fanno il loro ingresso sullo stage per partire subito con un rispolvero dell’album Ancient Dreams sulle note di ‘Mirror Mirror’ per ricollegarsi a Nightfall proponendo un’ammaliante ‘Bewitched’. Mats Levén ha presenza scenica e nonostante manchi il carisma di Messiah Marcolin, bisogna dire che il singer attuale ha una voce versatile, potente e che non fa rimpiangere per niente il vecchio singer. Il pubblico conosce tutte le canzoni a menadito e partecipa attivamente. Leif Edling, bassista e fondatore della band, è pienamente soddisfatto e ringrazia a più riprese i fan per la stupenda accoglienza riservata e per la partecipazione. La setlist omaggia in maggior parte la produzione dagli esordi al 1989 in pezzi quali ad esempio ‘Dark Reflections’, ‘A Cry From The Crypt’e The Bells Of Acheron ma accenna anche alla produzioni più attuali con ‘Prophet’ tratta dall’album  Psalms For The Dead’ targato 2012. Non poteva mancare un accenno allo strepitoso album d’esordio Epicus Doomicus Metallicus e sulle note di ‘Under The Oak’ il sottoscritto va visibilmente in estasi. I trent’anni di attività non si notano per nulla e l’altro membro storico Mats Björkman è in perfetta sintonia con l’altro axe man Lars Johansson, i cui solos creano atmosfere cupe ma allo stesso tempo ammalianti. Chiude la prima parte dello show ‘At The Gallows End’ ma sappiamo che non è finita qui. I presenti urlano il nome della band e gli svedesi ritornano sul palco per regalare la più attuale ‘Black As Time’, nuovamente da Psalms For The Dead e altre due chicche conclusive targate Epicus Doomicus Metallicus, ovvero ‘Crystal Ball’ e la meravigliosa ‘Solitude’ che ogni fan dei Candlemass conosce alla perfezione. Lo show è definitivamente concluso e la soddisfazione è impressa nei volti di tutti i presenti in quanto la giornata ha accontentato a pieno i fan accorsi da ogni dove.  Le band storiche non passano spesso dalle nostre parti quindi avvenimenti di questo tipo vanno vissuti e supportati a pieno. Con la nostra presenza supportiamo gli organizzatori di tali eventi in quanto si fanno il mazzo per garantire a pieno la riuscita di questi avvenimenti ma soprattutto, come nel caso dell’Associazione Giovanile Totem, diamo loro una mano a continuare ad essere presenti con questo stupendo festival che negli anni è sempre riuscito a mantenere l’ingresso gratuito, nonostante i nomi importanti che vi prendono parte. In bocca al lupo ragazzi!

Setlist Candlemass:

-Mirror Mirror
-Bewitched
-Dark Reflections
-Prophet
-A Cry From The Crypt
-Emperor Of The Void
-Under The Oak
-The Bells Of Acheron
-At The Gallows End

Encore

-Black As Time
-Crystal Ball
-Solitude