live in italy

06.02.2023
Menu Principale
Risorse
Murderletter
Nome:
Email:

 

online poker

SWFobject

Contenuto alternativo flash

È necessario aggiornare il tuo Flash Player

Get Adobe Flash player

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Dark Tranquillity + Dark Lunacy Treviso 2003
Scritto da Webmurder   
Domenica 21 Dicembre 2003 18:49

Dark Tranquillity

+

Dark Lunacy


27/11/03 New Age (Treviso)

 

 

Diciamo che il tragitto da Padova a Roncade dava più l'impressione di un Camel Trophy invece che di una statale.......io e le mie idee di risparmiare non facendo l'autostrada!!
Oltre ad esserci persi...un pochino, solo un pochino......pioveva a dirotto, niente liquido dei vetri e l'asfalto letteralmente mangiava i fari.
Finalmente giungiamo al New Age, dove neanche scendo dalla macchina trovo il mio amico Ciardo.........la cosa bella è che non lo avevo mai visto di persona prima, solo in foto!! Coincidenze a parte entro e subito mi accorgo che dall'ultimo concerto che ero andato a vedere li, l'aspetto del locale era cambiato...non mi ricordo nemmeno quanto tempo fa ero andato a vedere gli Snapecase!!
Mi riunisco al resto della nostra redazione che già mi aspettava dentro, mentre gli italiani Dark Lunacy stavano praticamente concludendo il loro show. La band che sia nel nome che nelle sonorità ci è sembrata un pochino la bruta copia dei Dark Tranquillity ha fatto la sua figura...ringraziando soprattutto i suoni che erano spaventosi...anche un po' meno, ma visto cosa è toccato poi agli svedesi!!
Dopo aver cercato di accaparrarmi un posticino decente per far le foto, vedo che non c'è niente da fare, il locale è gremito e di conseguenza decido di buttarmi in mezzo con armi e bagagli.......non dobbiamo attendere molto per il loro ingresso nell'arena del locale...i cinque svedesi iniziano subito alla grande con una serie di pezzi tratti da Damage done, il loro ultimo album, anche se risale agli inizi del 2002.
Mikael Stanne, il cantante, è in forma strepitosa esegue tutte le parti in moodo ineccepibile, dando ai brani la stessa intensità che sul disco.....se non accentuandola, in certi momenti, con la sua espressione, che in alcuni frangenti era un mix di commozione e godimento; infatti il pubblico caloroso ed in visibilio per i suoi idoli, con il continuo singalone era riuscito ad impressionare la band, che probabilmente non si aspettava un calore tale!! Personalmente devo dire che il pubblico in certi momenti cantava talmente tanto da risultare fastidioso....ovviamente nei momenti in cui non cantavo pure io.
Alla fine dei conti hanno eseguito quasi tutti i brani dell'ultimo disco e tratto da quelli precedenti circa una canzone l'uno, spiccano su tutti i momenti di "Even" dall'omonimo disco, "Free card" da Projector e "Punish My Heaven" da The Gallery.
Ottima la prestazione di Michael Nicklasson, al basso, davvero una macchina da guerra, non male nemmeno Niklas Sundin, anche se era un po' troppo costipato nell'angolo sinistro, un po' sottotono invece Anders Jivarp alla batteria, che ha ciccato un paio di passaggi ed attacchi e Martin Henrikkson, davvero statico e probabilmente troppo preoccopato per la resa nelle foto dei suoi dredd!!!!!!! Sarà perchè mi ero concentrato troppo su Mikael, ma su Martin Brandstrom, tastierista, non posso dire gran che.....apparte che sicuramente le sue parti rendono molto di più su CD che non sul palco...soprattutto se la resa è pessima.
E' con "Final Resistance" che ci salutano e cercano di farci tirare le quoia per lo sforzo nello squotere il nostro povero cervello e cantare contemporaneamente.....è difficile ehhh, cosa credete?
Ovviamente non per Mikael che instancabilmente, come una furia, durante tutta la sua performance ha mantenuto altissimo il livello di headbanging....trovando anche il modo di cantare usando un bellissimo tricolore come mantello, facendosi anche riprendere con la sua video dai ragazzi del service!!

L'unica nota davvero stonata della serata l'hanno suonata quelli dell'organizzazione......mi dispiace ammetterlo, visto che al New Age mi hanno sempre trattato bene ed hanno fatto sempre bellissime serate, ma assumere dei testoni fascisti incoscenti come buttafuori non lo trovo un scelta felice!! Quei cretini appena si avvicinava alla transenna qualcuno in stagedyving lo rimandavano indietro o lo schiacciavano a terra sotto la bolgia della gente che a fatica riusciva a non calpestarli!!! In più di qualche occasione abbiamo cercato di contrastarli, ma quei ciccioni erano davvero bastardi e ogni tanto allungavano anche qualche cartone........
......NO NO!!!! CERTA GENTE DOVREBBE ANDARE A FARE IN _ _ _ _ E NON AI CONCERTI!!!!!!!